Valentine’s Day for Digital Nomads: low cost gift ideas for a travelling Valentine’s Day!

Share this:

attrezzatura da nomade digitale

You are traveling around the world and keep working.
You are lucky enough to travel with your partner.
It’s Valentine’s Day.

If you are convinced that these three things are self-eliminating each other, you are wrong!
Here is a brief guide on the perfect gift for Digital Nomads, without spending a fortune and celebrating the most romantic day of the year!

 

1. Kindle eBook

Personally I am a paper lover. I just can not read books from the Mac or the tablet, but I admit that when travelling even for just 24 hours carrying at least 4-5 books I often regret the lightness of an eBook! Nights alone, nights by the sea, hours at the airport … an eBook is the perfect ally to defeat the boredom and keep up to date on the latest tips in terms of original lifestyles (Digital Nomads know something about it…)). Here is the link.

 

2. Backpack

It is an evergreen, but it is also the object we consume the most. It took me 4-5 attempts to find the one that suited me. Sometimes it’s about a particular feeling, sometimes a matter of mathematical precision, sometimes it is about advancing psychopathology (we all are psycho in our own way). After all, the backpack is an extension of ourselves, and for this reason we are looking for the perfect one that fits our needs. Personally I found heaven with this one from Fjällräven Kånken. Lightweight, practical, comfortable and super capacious. See for yourself!

 

3. Set of snap-hook

Maybe not everyone has thought about it, but a snap-hook is forever (even though I’m often alone at Valentine’s Day, I still find romance everywhere!). Moreover, it is a super useful gift for a traveller, it is cheap and it is really practical. Some are even hand-painted, chrome-plated or laminated. While I show you a practical and inexpensive set on Amazon, here’s what you can do with a snap-hook:

– Tighten trousers (if you miss a belt)

– Hook the keys not to lose them

– Tie your boyfriend, not to let him run away

– Hang on your shoes (so they do not take all the space inside)

– Hang on ropes

– Hang on camera stands

– Bring a thermos with you

– Take with you everything that has a hole (as my friend YouTuber Michydev suggests)

 

camping digital nomad

 

4. Camping Tools

Although we do not necessarily expect to camp, sometimes some utensils can save our lives in a delicate situation. Personally I need a knife even during a walk in the city (quiet, I do not practice violence…  I happen to open a box of vacuum-packed chorizo now and then), let alone if we do not need it during an offroad detour! This on in particular, then, would make anyone out of their mind! The best money ever spent: 10-piece camping kit with mini stove included, 2 non-stick aluminium pans, spoon and fork, 1 stainless steel cup (16 ounces), 1 multifunctional carabiner and, finally, two practical carrying bags. Not bad, right?

 

5. Universal Electric Adapter

The Digital Nomad, by definition, needs to be connected. For this reason, its electronic equipment requires not only practicality but also the right voltage, to avoid the risk of burning something! A universal adapter is ideal when you travel a lot, because sometimes the sudden departure does not allow us to make extensive checks on the type of adapter we need in the Country in which we are going. Therefore, giving one is always a welcome thought (put it on a red ribbon and it is perfect as a Valentine’s Day Gift!).

 

6. Padlock

For your suitcase but not only for that. A lock is often associated with travelling by plane, when we need to send the baggage in the hold and we want to avoid it being opened before it is handed back to us. In fact, and travellers know it well, a lock is useful when you land in a hostel and you need to store important items in a personal locker. Or, again, it is necessary when we have to leave our luggage in custody and we need a double protection. Always better, however, to spend a little more and take one more resistant (even if the classic secret diary padlocks sometimes can save your life, managing to combine the ends better than all! True story). This is even set to pass the US customs without problems!

 

7. Power bank or solar charger 

Always on. This is the mantra for a Digital Nomad. That’s why we need as much battery as possible, to send a job or publish an article wherever we are (and if we are short of electricity). Very useful as a gift for Valentine’s Day, therefore, a portable power bank or, even better, a solar charger, are ideal if the trip includes medium-long walks under the sun. A simple, immediate and smart way to be connected without worrying about anything (and helping the environment too). For those who own an iPhone, finally, a practical case for smartphones with a small built-in battery, for further nomadic peace of mind.

 

8. Laptop light

A small and practical light with USB port to read even in the dark with an extra light source. It often happens, in fact, to spend nights in hostel dorms needing a light to read. A super cheap and useful gift for everyone (even for those who travel only with the imagination while reading a good book under the covers!).

 

nomade digitale melania romanelli

 

 9. Water Resistant Bags

When traveling, it is always convenient to have waterproof plastic bags to keep valuables and to prevent them from coming into contact with water. There are many types, but I recommend these ones that I personally tested even under the deep waters of the Atlantic Ocean!

 

10. Waterproof Jacket and Umbrella

The monsoons will no longer be a problem. Just a good raincoat and a super-equipped umbrella to face the strongest storm! If there are a lot of the first type online, the second is more difficult to find in a good quality, although Amazon proposes different and well-made ones. A traveller friend of mine recommended me this one here in fiberglass reinforced, tested directly in India when the weather was not really his best ally!

And you? What will it be the present for your Valentine’s Day?

SalvaSalva

Share this:

San Valentino per Nomadi Digitali: idee regalo low cost per un San Valentino all’insegna del viaggio!

Share this:

attrezzatura da nomade digitale

[ English version here]

 

Siete in viaggio in giro per il mondo e continuate a lavorare.
Avete la fortuna di viaggiare con il vostro compagno.
È San Valentino.

Se siete convinti che queste tre cose si autoeliminino tra loro, vi sbagliate!
Ecco una breve guida sul regalo perfetto di San Valentino per Nomadi Digitali, senza spendere una fortuna e festeggiare il giorno più romantico dell’anno!

Personalmente sono un’amante della carta. Non riesco proprio a leggere i libri dal Mac o dal tablet, però ammetto che quando viaggio anche solo per 24 ore e mi porto dietro almeno 4-5 libri rimpiango spesso la leggerezza di un eBook! Notti in solitaria, notti in riva al mare, ore di scalo in aeroporto… un eBook è l’alleato perfetto per sconfiggere la noia e aggiornarci sulle ultime dritte in fatto di stili di vita originali (i nomadi digitali ne sanno qualcosa…)). Eccovi qui il link.

 

2. Zaino

È un evergreen, ma è anche l’oggetto che consumiamo di più. Ci ho messo 4-5 tentativi per trovare quello adatto a me. A volte è una questione di feeling, a volte di precisione matematica, a volte di psicopatologia avanzante. Del resto lo zaino è un’estensione di noi stessi, per questo motivo ne cerchiamo uno perfetto per le nostre esigenze. Personalmente ho trovato il paradiso con questo qui della Fjällräven Kånken. Leggero, pratico, confortevole e super capiente. Provare per credere.

 

3. Set di moschettoni

Forse non tutti ci hanno pensato, ma un moschettone è per sempre (anche se sono spesso sola a San Valentino continuo a trovare del romanticismo ovunque!). Inoltre, è un regalo super utile per un viaggiatore, costa poco ed è davvero pratico. Alcuni sono addirittura dipinti a mano, cromati, oppure laminati. Mentre vi segnalo un pratico ed economico set su Amazon, ecco cosa si può fare con un moschettone:

  • Stringere pantaloni (tipo cintura)
  • Agganciarci le chiavi per non perderle
  • Agganciarci il fidanzato, per non farlo scappare
  • Appenderci le scarpe (così non occupano spazio all’interno)
  • Agganciare corde
  • Appendere il cavalletto della macchina fotografica
  • Portarsi dietro un thermos
  • Portare con sé tutto ciò che ha un buco (come suggerisce il mio amico YouTuber Michydev)

camping digital nomad

 

4. Utensili da campeggio

Anche se non prevediamo necessariamente di campeggiare, a volte l’utensile gusto può salvarci la vita in una situazione delicata. Personalmente mi è capitato di aver bisogno di un coltello anche durante una passeggiata in città (tranquilli, non pratico la violenza… al massimo ne ho avuto bisogno per aprire una scatola di salumi sottovuoto), figuriamoci se non ne abbiam bisogno durante un detour offroad! Questo qui, poi, farebbe uscire fuori di testa chiunque! Il miglior denaro mai speso: 10 pezzi in kit pentole da campeggio con mini stufa inclusa, 2 pentole di alluminio antiaderente, cucchiaio e forchetta, 1 tazza di acciaio inossidabile (16 once), 1 moschettone multifunzionale e, infine, due pratiche borse da trasporto. Niente male, no?

 

5. Adattatore universale

Il Nomade digitale, per definizione, ha bisogno di essere connesso. Per questo motivo la sua attrezzatura elettronica necessita non solo di praticità ma anche del giusto voltaggio, per non rischiare di bruciare qualcosa! Un adattatore universale è l’ideale quando si viaggia spesso, proprio perché a volte la partenza improvvisa non ci permette di fare controlli approfonditi sul tipo di adattatore che ci serve nel Paese nel quale stiamo andando. Dunque, regalarne uno è sempre un pensiero gradito!

 

6. Lucchetto

Per la valigia ma non solo. Un lucchetto è spesso associato ai viaggi in aereo, quando abbiamo bisogno di spedire il bagaglio in stiva e vogliamo evitare che venga aperto prima che ce lo riconsegnino. In realtà, e i viaggiatori lo sanno bene, un lucchetto è utile quando si approda in un ostello e si ha bisogno di riporre oggetti importanti in un armadietto personale. O, ancora, è necessario quando dobbiamo lasciare i bagagli in custodia e abbiamo bisogno di una doppia protezione. Sempre meglio, comunque, spenderci qualcosa in più e prenderne uno più resistente (anche se i classici lucchetti da diario segreto a volte salvano la vita, riuscendo a unire le estremità meglio di tutti! Storia vera). Questo è addirittura settato per passare la dogana statunitense senza problemi!

 

7. Power bank o caricatore a luce solare

Connessione always on. Questo il mantra per un nomade digitale. Ecco perché abbiamo bisogno di quanta più batteria possibile, per spedire un lavoro o pubblicare un articolo ovunque siamo (e se siamo a corto di elettricità). Molto utile come regalo per San Valentino, dunque, una powerbank portatile o, meglio ancora, un caricatore a luce solare, ideale se il viaggio prevede tappe medio-lunghe sotto il sole battente. Un modo semplice, immediato e smart di essere connessi senza preoccuparsi di nulla (e perché no aiutando l’ecologica)! Per chi possiede un iPhone, infine, una pratica custodia per smartphone con una piccola batteria incorporata, per ulteriore tranquillità da nomade incallito.

nomade digitale melania romanelli

 

8. Luce per laptop

Una piccola e pratica luce con porta USB per leggere anche al buio con una fonte luminosa in più. Capita spesso, infatti, di passare notti in dormitori di ostelli e aver bisogno di una luce per leggere. Un regalo super economico e utile per tutti (anche per quelli che viaggiano solo con la fantasia leggendo un buon libro sotto le coperte!).

 

9. Buste Water Resistant

Quando si viaggia fa sempre comodo possedere dei sacchetti di plastica impermeabili, per conservare gli oggetti di valore ed evitare che entrino a contatto con l’acqua. Ce ne sono di tanti tipi, ma io vi consiglio questi qui che ho testato personalmente anche sotto le acque profonde dell’oceano Atlantico!

 

10. Giacca Impermeabile e Ombrello

I Monsoni non saranno più un problema. Basta un buon impermeabile e un Ombrello super accessoriato da pioggia per resistere a tutte le tempeste atmosferiche! Se del primo ce ne sono un’infinità online, del secondo è più difficile trovarne di buona qualità, anche se Amazon ne propone diversi e di ottima fattura. Un mio amico viaggiatore incallito mi ha consigliato questo qui in fibra di vetro rinforzata, testato direttamente in India quando il tempo non era davvero il suo miglior alleato!

E voi? Cosa regalerete a San Valentino?

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Share this:

RYANAIR: nuove norme bagaglio a mano a partire dal 15 gennaio 2018

Share this:

airport melania romanelli

 

Dopo le polemiche di questi mesi sulle proteste dei suoi piloti, Ryanair torna a far parlare di sé. Ma per un motivo molto utile per chi viaggia spesso con questa compagnia. Sono regolari da qualche giorno, infatti, le nuove norme per i bagagli a mano da portare con sé in cabina.

In un primo momento le regole dei bagagli da portare in cabina erano restrittive:  1 solo pezzo. In un secondo, del resto, si era scelta una linea più morbida, con due pezzi gratuiti. Oggi, al contrario, le nuove regole sono una via di mezzo tutto sommato comoda per evitare ritardi al momento dell’imbarco.

Dal 15 gennaio 2018, dunque, è possibile decidere sin dal momento della prenotazione cosa volete portare in cabina, per evitare soprese al gate. Vediamo insieme come!

 

bagagli a mano ryanair

 

 Se acquistate il biglietto senza priorità:

 Potrete comunque viaggiare con 2 bagagli, ma portando con voi sull’aereo solo uno di questi, mentre l’altro vi verrà spedito gratuitamente.

Nello specifico potrete portare in cabina un solo bagaglio a mano di dimensioni 35 x 20 x 20 cm da sistemare sotto il sedile di fronte a voi. Con questa opzione di acquisto, in pratica, non è consentito portare a bordo il trolley ma solo un “pezzo” delle dimensioni che vi ho appena indicato. Se volete portare un trolley con voi è possibile, quindi, ma questo verrà registrato al gate d’imbarco (quindi portatelo con voi oltre i controlli di sicurezza e fino al gate) e sistemato nella stiva dell’aereo gratuitamente dal personale Ryanair.

 

Ricapitolando:

2 bagagli gratuiti

  •  1 pezzo personale in cabina di dimensioni 35 x 20 x 20 cm
  •  1 trolley di dimensioni standard da spedire gratuitamente al gate d’imbarco

 

ryanair nuove regole bagagli a mano

 

 Se acquistate il biglietto con priorità:

 Chi acquista le opzioni “Priorità e 2 bagagli a mano”, “Flexi Plus”, “Plus” o “Family Plus” può portare in cabina 2 bagagli a mano. Ecco quali:

  • 1 piccola borsa di dimensioni 35 x 20 x 20 cm da sistemare sotto il sedile davanti
  • 1 secondo bagaglio (zaino o trolley) di dimensioni 55 x 40 x 20 cm da riporre nella cappelliera della cabina (per vedere se entra senza problemi potete sempre utilizzare i misuratori al gate)

Ricapitolando:

2 bagagli

  • 1 pezzo personale in cabina di dimensioni 35 x 20 x 20 cm da riporre in basso di fronte a voi
  •  1 trolley o uno zaino in cabina di dimensioni 55 x 40 x 20 cm da riporre nella cappelliera in alto.  

 

A prescindere dalle due opzioni, comunque, portate con voi il bagaglio aggiuntivo fino al gate d’imbarco. In entrambi i casi, inoltre, chi non osserva le norme dovrà pagare una penale di € 50 per articolo al gate di partenza. Per ulteriori informazioni segnalo un ottimo video che si può trovare sul canale Twitter di Ryanair.

Non vi resta che decidere la destinazione e… buon viaggio!!!

 

Share this:

Cosa fare a Capodanno: GOODBYE 2017, WELCOME 2018!

Share this:

 

Melania Romanelli Las Palmas
Amo la fine dell’anno.

Amo i riti portafortuna di Capodanno. Amo l’atmosfera che nasce in maniera spontanea ovunque si passeggi. Le chiacchiere al bar, i propositi per il nuovo anno, i concerti della notte del 31 dicembre, le previsioni astrali (attendo il solito Oroscopo 2018 di Paolo Fox segno per segno come un bambino che brama impaziente il suo giocattolo preferito!), i borbottii omnicomprensivi del periodo natalizio (che comprendono la dieta detox post-Natale e le immancabili ripercussioni del pranzo di Natale coi parenti), la corsa all’acquisto dell’intimo rosso per la notte di Capodanno (a proposito, già sapete cosa fare a Capodanno 2018?), le riflessioni sui 12 mesi appena trascorsi. In effetti Capodanno è un momento davvero cruciale, complicato, che costringe anche i più impegnati a guardarsi allo specchio, a riflettere su ciò che si è portato a casa, che si è imparato, che si è lasciato andare. E anche sui desideri e i goal da realizzare, per salutare il 2017 come si deve e dare il benvenuto al 2018!

Curiosissima nel conoscere i vostri propositi, ecco il mio 2017 di conquiste e lezioni… e anche le previsioni di come sarà il mio 2018 (altro che Paolo Fox!). Sì, perché la vita, che che ne dicano i gufi, possiamo davvero costruircela noi mattone su mattone!

Wanderlust - Melania Romanelli

 

2017 step by step: cosa ho conquistato

  • Ho fatto ritorno dal viaggio più importante della mia vita (fino ad ora). Come molti di voi sapranno, nell’ottobre 2016 sono partita per il Canada per 3 mesi. A prescindere dai luoghi meravigliosi che ho visitato (sui miei profili Instagram e Flickr trovate le immagini della mia esperienza!), e dalle persone magnifiche con le quali ho vissuto, quei 3 mesi sono stati fondamentali per me a livello personale e professionale. Proprio dal Canada ho costruito le premesse per la mia nuova vita, scoprendo il piacere di viaggiare da soli sfidando situazioni paradossali (bloccarsi nel ghiaccio con l’auto, fatto!) e il gelo delle notti del Québec. Il risultato è il mio libro, Spero Tutto Bene, che mi ha dato la possibilità di girare intervistando anime coraggiose che proprio in Canada hanno gettato l’ancora nel loro viaggio personale alla ricerca della felicità.

Niagara River Canada

 

  • Ho ritrovato la mia creatività. Il blocco dello scrittore esiste. Ne ho avuto la conferma per tutto il 2014, il 2015 e il 2016, anni segnanti ma privi di stimoli creativi. Rimettermi in moto mi ha finalmente costretta a momenti di solitudine, situazioni con zero connessione e connessioni, con solo me stessa a farmi compagnia. Il risultato sorprendente di tutto questo girovagare da sola è stato che, senza forzature, ho ripreso la penna in mano. E non solo quella! D’altra parte, come insegna Elizabeth Gilbert in Big Magic, la creatività può davvero conquistare ogni momento e aspetto della nostra vita!

  • Ho vissuto dentro una comunità musulmana a Londra. A marzo 2016, nel cuore dell’editing finale di Spero Tutto Bene, mai avrei immaginato di essere selezionata dalla mia collega Sumera Tariq per partecipare ad un summit mondiale a Londra con i membri della Comunità Islamica Ahmadiyya! Essere circondata da persone all’apparenza così diverse da me, osservare, odorare, toccare e vivere una cultura a me quasi sconosciuta è stata un’esperienza irripetibile e davvero emozionante. Se volete leggere il resoconto del mio viaggio nel cuore della comunità musulmana Ahmadiyya a Londra vi lascio al mio vecchio post!

Melania Romanelli - Sumera Tariq

 

  • Ho scoperto la fotografia. Ne sono sempre stata innamorata, l’ho corteggiata e nel 2017 l’ho finalmente conquistata! Grazie al mio viaggio tra Gran Canaria e Lanzarote (che ho raccontato in diversi post sul mio blog delle Isole Canarie) ho avuto la possibilità di lavorare come fotografa a stretto contatto con il mondo del turismo. Non solo ho avuto il piacere di visitare alcuni degli hotel più belli delle isole, tra cui hotel 5 stelle con spettacolari piscine infinity, ma ho potuto soprattutto parlare con persone provenienti da decine di nazioni differenti, comunicando con il linguaggio universale dell’empatia (visto che con il tedesco e il francese mi fermo a Ich Bin Melania e Merci beaucoup…). Come coronamento della mia continua sperimentazione, infine, ho avuto il piacere di partecipare alla recente mostra fotografica nel comune laziale di Rieti, nella quale sono state esposte alcune delle mie fotografie!

 

 

  • Ho finalmente sconfitto la mia eterna paura di viaggiare in aereo! Ebbene sì, ho paura di volare in aereo! Sarà che mi piacciono le trame catastrofiche (e tra i miei film e serie preferiti non mancano Alive – Sopravvissuti, Final Destination e Lost, che proprio non raccontano voli aerei all’insegna del buonumore, insomma), sarà che ho sempre la nausea ogni volta che il mio stomaco sobbalza, ma ho sempre sudato al pensiero di salire le scale del portellone. Incredibile, vero? Questo 2017, per un motivo e per un altro, mi ha costretta a prendere più volte l’aereo di quanto non abbia fatto con macchina e treno, portandomi da una situazione di panico pre-partenza a quella opposta in cui mi addormento con le cuffie ancora prima di decollare (tanto le uscite di sicurezza le controllo sempre quando salgo, tranquilli!)

 

  • Ho imparato lo spagnolo: 6 mesi alle Canarie e un viaggio a Valencia. Nuovi amici spagnoli a profusione (Andalusia, Catalogna, Galizia, poco importa, tanto sono tutte persone speciali… delle quali cogliere gli accenti più particolari!). E una certezza: continuando a vivere alle Canarie e viaggiando per la Spagna posso solo che migliorare!


  • Ho imparato come fare un videoclip: nonostante le apparenze, sono una persona all’antica. Al computer preferisco carta e penna e agli audio di whatsapp (anche se le mie amiche stentano a crederlo quando lo dico) preferisco le lunghe chiacchierate faccia a faccia. Eppure, a novembre 2017 ho partecipato ad un workshop per operatori della gioventù e blogger in Portogallo nel quale ho imparato a montare un videoclip con tanto di voice over (la mia, con un lavoro di self control notevole), oltre a musica, immagini e video. Strumenti che nel 2018 impiegherò per i miei progetti futuri (anche se continuo a non saltare dalla gioia quando apro I-Movie, sia chiaro…)

 Valencia - Melania Romanelli

  • Ho viaggiato lavorando, lavorato viaggiando: il momento in cui ho capito che il mio sogno di lavorare viaggiando si stava avverando è stato quando a Montreal, viaggiando da sola, in tre giorni ho visitato la città, fatto shopping, preso caffè, scritto mail dal McDonald’s e inviato articoli con la connessione inimitabile di Starbucks. Yes, we can!!! E we must! Possiamo e dobbiamo lavorare viaggiando!


  • Ho lanciato la mia comunità Instagram. Ho aperto Instagram qualche anno fa, ma solo quest’anno ho davvero capito quanto Instagram mi abbia regalato la possibilità di connettermi con tanti viaggiatori, menti esploratrici e comunità di persone così tremendamente simili a me. Travel blogger che viaggiano da soli/e, wanderluster che affrontano sfide impossibili (compresa la nobile arte del mangiare larve e vermi fritti), scrittori emergenti con i quali scambiare libri e consigli di lettura, fotografi capaci di fissare momenti indimenticabili in giro per il mondo. Tutto questo è linfa vitale per la mia vita personale e per il mio lavoro, ed è grazie a questa crescita continua che oggi posso stringere virtualmente la mano a quasi 5500 anime, alle quali va tutta la mia gratitudine per seguirmi con così tanto affetto!

lanzarote montagna roja

2017 step by step: cosa ho imparato

  • Ho imparato a viaggiare da sola: ho capito che il mondo è un luogo grande e sconfinato e che non c’è niente di meglio che scoprirlo con la sola forza delle mie braccia.
  • Ho imparato a gestire un set fotografico e dei modelli indisciplinati.
  • Ho imparato a meditare.
  • Ho imparato a lasciar andare.
  • Ho imparato a selezionare i pensieri e a regalare vibrazioni positive alle persone intorno a me.
  • Ho imparato a passare più tempo sola con me stessa e con la mia creatività.
  • Ho imparato il valore del quality time, gestendo il mio tempo facendo solo le cose che mi piacciono davvero: la vita è un brivido che vola via, ed è nostro compito cercare l’equilibrio sopra la follia, come diceva Vasco.
  • Ho imparato che il tuo migliore amico può essere la persona che non hai ancora conosciuto

Melania Romanelli - Maspalomas Dunas

2018… cosa mi aspetta

  • Un’operazione importante e tanto sport, perché il benessere fisico e mentale viene prima di tutto.
  • Un trasferimento alle Canarie, perché tornare a pagare l’affitto significa investire sulle mie capacità senza timore.
  • Un viaggio a Barcellona con le amiche di sempre.
  • Un progetto lavorativo importantissimo, top secret, ma decisamente work in progress!
  • La nuova promozione del mio primo libro Spero Tutto Bene… e del secondo (in cantiere)!
  • Un viaggio (negli USA) con papà.
  • Un workshop a Londra con la scrittrice di Eat Pray Love Elizabeth Gilbert… con annesso Harry e Meghan sposi (Harry, te lo stiamo chiedendo tutte: ripensaci!).
  • Onorare il mio nuovo tatuaggio e progettare i viaggi per la seconda parte del 2018: Spagna in ogni dove, e poi Bali e Indonesia, India, Vietnam, Thailandia… e se avanza tempo anche Messico e Sud America!
  • Imparare il francese, per avere più chance con i ragazzi francesi (oltre ad una scusa in più per mangiare il pain au chocolat!).
  • Esercitarmi sulla mindfulness e sulla gratitudine.
  • Coltivare la mia community su Instagram dando valore alle cose che condivido ogni giorno con i miei follower. Con l’obiettivo di toccare quota 10.000 quanto prima!

melania romanelli lanzarote

Ultimo ma non per importanza il proposito più grande di tutti: aprirmi all’amore. All’amore verso me stessa, all’amore verso gli altri, all’amore verso una persona che sta per arrivare (che non appartenga assolutamente alla categoria dei 6 tipi di uomini da evitare, ovviamente). Perché qualunque percorso personale ha bisogno di viaggiare sempre a gonfie vele… e cosa c’è di meglio di farlo in compagnia?

Buon 2018 a tutti

Melania

P.S. Ve l’ho già detto che sogno di volare su una mongolfiera in Cappadocia?

 

Share this:

2 mesi, tre tappe, tre piccoli souvenir di vita. Il mio viaggio tra Malta, Valencia e Lisbona!

Share this:

Malta - Melania Romanelli

Sono quasi due mesi che non prendo carta e penna e aggiorno il mio blog. Lo so lo so, non va fatto, se no poi la cara vecchia zia Google si incavola perché non siamo andate a trovarla (e se non lo facciamo per un po’ niente regali poi :D). Still, come dicono gli inglesi, la vita di una blogger è fatta di come and go, di ida y vuelta, di andata e ritorno. E ho imparato sulla pelle che è solo andando che si può ritornare con qualcosa da dire. Quindi, eccomi qui, di ritorno da un lungo viaggio.

Come già sapete ho lavorato alle Canarie per 6 mesi. Sono stati mesi intensi, necessari, che non baratterei con nulla al mondo (se non l’avete ancora letto potete trovare il mio diario delle Isole Canarie qui). Come ogni esperienza meravigliosa che capita nella nostra vita, però, ha avuto un tempo importante, indispensabile, ma limitato. In 6 mesi ho preso tanto, appreso ancora di più e messo in pratica per sempre. Direi che non è male in un arco temporale tutto sommato concentrato, specie considerando l’andamento lento e ciclico in cui si inciampa e ci si rialza a ritmo delle maree.

2 mesi, dunque. Cosa ho fatto in questo tempo? Semplicemente, ho viaggiato. Ho ripreso lo zaino e mi sono rimessa in cammino, spinta dal desiderio di raccogliere quanta più sabbia, sassi, colori, profumi, sapori, persone, strumenti e mappe del tesoro possibili. L’urgenza, la mia fedele amica che non mi abbandona mai, l’humus che mi spinge a vivere il momento, ad essere nel tempo presente, per non rischiare di rimpiangere anche un solo minuto che ci è concesso su questo pianeta, è tornata ad afferrarmi. Dunque, zaino in spalla e si parte.

2 mesi in viaggio, tre tappe, tre piccoli morsi di vita: Malta, crocevia di culture da esplorare morso dopo morso; Valencia, assaggi di un futuro che parla latino; Lisbona/ Évora, un posto dell’anima dal quale ripartire con un nuovo sapore.

Malta - Valletta

Malta. Crema e blu. I colori delle costruzioni e delle case, i colori del mare. Ecco cosa mi viene in mente pensando a Malta. Complice il tempo spettacolare che ho trovato ad ottobre, Malta mi ha sorpresa nella sua caleidoscopica tranquillità. Un posto incantevole, bellissimo, illuminato dal sole e dalla solarità dei suoi abitanti. Un posto ricco di culture diverse, pieno di storie che allacciano nodi con momenti lontani della Storia dell’umanità (quella con la S maiuscola), e che si ritrovano nei volti delle persone che ho incontrato nel porto di Msida, nella capitale Valletta e nella antica città Mdina. Romana, spagnola, inglese, francese, sono solo alcune delle culture che hanno albergato nella piccola isola (e nelle isole principali che assieme a lei compongono l’Arcipelago Maltese, quali Gozo e Comino), che essendo al centro del Mediterraneo è stata per anni il punto di approdo di tanti immigrati provenienti dall’Algeria, dalla Tunisia, dall’Egitto, da Cipro, dalla Grecia e dalle isole italiane ioniche oltre che da Lampedusa e dalla Sicilia. A proposito di italiani. Malta è ricca di attività, bar e ristoranti italiani, specie nella zona portuale che da Msida conduce a Valletta. Sorrisi, occhi vispi e movida notturna – che si snoda nei quartieri di Paceville e St. Julian’s – vi porteranno dritti al cuore pulsante di un’isola ricca di cultura e da scoprire angolo dopo angolo. Io ho visitato solo alcuni degli scorci più suggestivi di Malta, e per questo motivo mi sono ripromessa di tornarci presto per raccogliere materiale e storie da narrare… È uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo no? Stay tuned 😀

Valencia - Melania Romanelli

Valencia. Sono andata a Valencia in avanscoperta, per studiare un po’ l’ambiente nel quale mi piacerebbe vivere per un po’. La Spagna, lo spagnolo, sono nuove realtà per me che ho sempre masticato cultura anglosassone. E quindi succede che se la tua mente non preme l’interruttore giusto, ti ritrovi per un momento un piccolo pesce fuor d’acqua.  Divertente quando a Malta, ormai abituata all’infradito e alla pacatezza del popolo canario, parlavo in spagnolo a persone che mi guardavano curiosamente, rispondevano in inglese e chiedevano gentilmente di darmi una mossa… un remake 2017 del “Ragazzo di Campagna” di Renato Pozzetto, per capirci. Valencia, dunque. Ho girato prevalentemente a piedi, soggiornando in una struttura nel centro città gestita da Italiani. Pensando a Valencia penso alla semplicità, dei movimenti, del ritrovarsi. Ma penso anche alla complessità di strutture architettoniche avanguardiste, create dai migliori architetti mondiali a servizio di cittadini e turisti che anno dopo anno scoprono sempre più numerosi questa bellissima città, grande ma a misura d’uomo, economica e che allo stesso tempo pullula di eventi culturali. E penso, infine, alla ricchezza della sua cultura, che riverbera nel Mercato Centrale, il mercato rionale per eccellenza. Nello storio edificio del 1900, impreziosito dai meravigliosi azulejos, le mattonelle che accomunano a livello visivo la Spagna, le isole Canarie, il Portogallo e anche paesi del Nord Africa, primo tra tutti il Marocco, dunque, potrete assaggiare tutte le prelibatezze gastronomiche che questa città ci ha regalato. La paella, prima tra tutti, che proprio qui di tutte le città spagnole nasce nel secolo XV e XVI come piatto unico dei pastori facile da trasportare. Le tapas, i piatti combinati che rendono piacevole il pinchare, lo spizzicare tra delizie di formaggi, chorizo, salumi vari e jamon di ogni tipo. Le patata bravas, piatto tipico spagnolo fatto di patate che vengono prima bollite e poi fritte, accompagnate da una salsa piccante chiamata appunto “brava”. La Albufera de Valencia, ovvero uno stufato a base di patate, paprica, aglio ed anguille servito come una zuppa di pesce. Ultimi, ma non per importanza, la combo horchata e fartons: la prima è una bevanda molto dolce a base di chufa (cipero in italiano), un tubero che si sviluppa solo in terreni con delle proprietà particolari e che ha guadagnato per questo motivo la denominazione d’origine; i secondi sono dei biscotti dalla forma allungata e ricoperti di glassa, simili ai nostri savoiardi anche per gli ingredienti (farina 00, uova, zucchero). Insomma, da buona italiana, a Valencia ho inzuppato e ho mangiato!

Torre di Belem - Melania Romanelli

Lisbona/ Évora. Il viaggio che mi porta a Lisbona prima e Évora poi è un viaggio speciale, di quelli che possono cambiare la percezione del tuo mondo. Il Portogallo era un territorio per me completamente sconosciuto. Di quelli che immagini di un colore o dei quali evochi qualche particolare e poco più. Ci metto piede, mi affaccio alla finestra del bus, alzo lo sguardo. Una sola parola: I N C A N T O. Lisbona prima ed Évora poi sono state una scoperta piacevole e un momento di gioia incontaminata. Il cielo di novembre brillava di un blu mai visto prima, le strade di Lisbona erano piene di colori, suggestioni, micro-input da raccogliere e mettere da parte, le viuzze di Évora si inerpicavano per le collinette impertinenti e sfidanti, complici anche i sampietrini un po’ sbilenchi che dovevi stare attento a calpestare. Di nuovo, un raggio di luce e di colori ti riempiva gli occhi tanto che non potevi non sorridere: gli azulejos, le ceramiche dipinte a mano, gli abiti e gli accessori decorati e lavorati completamente in sughero (il sughero è un materiale tipico portoghese, un business mondiale importante e che qui viene chiamato “oro verde”) e i tipici negozietti di souvenir dove si trova un po’ di tutto e a poco prezzo, compreso il il gallo di Barcelos, (galo de Barcelos in lingua), una figura tipica del folclore portoghese. Di Évora vi parlerò nel prossimo post, perché è un luogo dove ho percorso un cammino particolare lungo 10 giorni e che voglio condividere con voi. Ma torniamo un attimo al gallo.

Evora - Melania Romanelli

Souvenir. La storia di questo gallo mi ha colpita particolarmente. Arriva dalla citta di Barcelos, nel Portogallo settentrionale, dove la leggenda narra di un povero pellegrino che, di ritorno da Santiago di Compostela, fu accusato di aver rubato l’argento da un proprietario locale. Alle strette di fronte al giudice, che stava pranzando con un galletto arrosto, il pellegrino proclamò sicuro la sua innocenza, così come era sicuro che il gallo nel piatto del giudice si sarebbe alzato e sarebbe corso via. Il giudice ovviamente non gli credette e lo condannò all’impiccagione. Eppure, proprio nel momento della sua esecuzione, il gallo si alzò e si mise a cantare. Corso sul luogo della condanna, il giudice trovò il pellegrino ancora vivo, pronto per essere salvato. Grazie al gallo.

Mi piace questa storia, che è un po’ la storia di noi viaggiatori. Siamo sempre pellegrini in cammino, calpestando luoghi e territori non nostri, afferrando pezzi di vita qui e lì con tutto ciò che abbiamo nel piatto: foto, storie, braccialetti, immagini, persone incontrate per un breve istante, sprazzi di vita che vorremmo portare a casa con noi. Ma la cosa che mi piace di più di questa leggenda è la fervida sicurezza del pellegrino, convinto che la sua fede l’avrebbe salvato. E non sto parlando della fede religiosa, ma la fiducia di chi sa di star percorrendo la propria strada. Lontano dai condizionamenti, impermeabile ai giudizi, sordo ai “No”, a chi dice che “è impossibile”, cieco all’immagine di se stesso che racconta il suo passato. Libero di essere ciò che vuole. Libero di amare se stesso. Libero di vivere.

 

Share this: