How to understand a relationship: 5 situations to face in order to live happily

Share this:

 

couple relationship

How to understand a relationship… It took a lifetime of meetings, travels, experiences to get to the conclusions I came to and yet I seem to understand nothing! Having said that, I flagged some flags and I thought I could share my point of view with you. Ready?

It’s been a couple of years now that I started a difficult and compelling personal journey that covered all areas of my life: career, personal life, relationships, mind-set. And as it happens during all of my travels around the world, I have collected many small souvenirs, pieces of awareness that allow me to go forward with my head up high and free from fear. As I have already written on Instagram, in fact, at the end all our actions are dictated by the presence or absence of the feeling of fear. As a perfect representative of the Taurus, I have always been afraid of changes. I can handle them, I can face them, I know how to overcome them, but when I feel comfortable in a situation I have the anxiety that a little breath of air will destroy my paper castle. Yet, my life has always been about changes: friendships, body, attitude, houses, countries. Thanks to the people I met and the experiences I experienced, which are the lifeblood of my thirst for curiosity, therefore, today I want to share some of my conclusions with you, to go forward and to let us still be surprised by the unexpected events of life!

 

1. Me myself and I: the relationship with ourselves

Let’s say it right away. It is the most complicated of all. One moment we love ourselves the other we hate ourselves, an instant we seem to have understood everything and the next we are in total chaos of thoughts, we are able to express 35 different moods in 16 hours (of the remaining eight, even if dedicated to sleep, I can not guarantee) and we even complain if others do not understand us properly. Yet, that wonderful and terrifying journey that begins when we start to perceive the influence that others have on us (before that time I played Barbie … and even in that case I had some problems of acceptance as I identify myself with the ugly friend that Ken ignored), is a swing of incredible emotions. As for me, I started to really understand who I was and to give me a break (read: to accept me for who I was and not to blame me for everything) in old age, even if I’m catching up quickly. In my case everything coincided with the umpteenth and devastating unrequited love. One of those that make you tie your phone to your fingers hoping that he will write to you, or collect it from the bottom of the sea after he replies after 72 hours or, even worse, leaves you sleepy for three months when you understand that there is no history whatsoever and you are forced to close and move forward. Anyway, from that moment on I decided to stop for a moment and concentrate on myself, and not on always pleasing the others. As Elizabeth Gilbert says in ‘Eat Pray Love’ (and if you have not read it yet I will send you to the bookshelf kicking your ass), finally I started to ask myself: ‘Melania, what do you want?’. I discovered that free from the conditioning of others I had time for myself, soil to cultivate the seeds of my creativity, free to express all the parts of my soul, even those less conventional or comfortable. I do not want to lie to you. I’m still facing hormonal storms, sudden jumps back to when I was 15 (and do not say I did not warn you), hysteric crying, moments of pure adrenaline …

Nevertheless, I finally feel that I have undertaken once and for all the path I had chosen for myself since I was a child (even if I wanted to be a singer).

 

couple goals

 

2. Couple relationship: a never-ending series of compromising moments

Believe it or not, I’ve always been the loser on duty. The best friend, the nice girl, the reliable person, etc. … no glamorous peaks as the party queen, so to speak. So for me couple relationships had always given headaches. Give and take, give more than what you receive, understanding that giving unconditionally (and without getting angry a moment later) it is in fact the meaning of a love story. And still adapting to the other, finding compromises to better enjoy the relationship, learning how to manage sex and intimacy … All this for me has never coincided with a fluid movement, because in the meantime in the meanders of myself I had not found yet that balance and completeness that are the basis of an adult relationship. And only now when I happen to spend time with some important people for me, I realize that the price to pay for the spasmodic research of enlightenment has a lot to do with the happiness of a couple. That being said, however, I understood a couple of things:

If we are not complete as a person and as souls living on this planet, we can hardly find someone to share a mature path with. We can fall in love, discuss, argue, send us to that particular country, live an overwhelming passion, but the couple’s relationships are much more than that. They require time, self-knowledge, a spirit of sacrifice towards some parts of ourselves, a constant take and give up the small or large imperfections that are part of ourselves and that certainly our partner also has. Because nobody is perfect. And this is also true from the opposite perspective: if the person we choose for ourselves has not yet reached the equilibrium point, if they cling to us to feel complete, then the red alarm triggers. They will be able to stay with us for a while, and they will love us so much, but sooner or later that point of no return will come and the relationship could be irreparably damaged. The famous ‘I love you but I can’t’ that we often hear in movies not only exists but it hurts like hell.

Couple relationship is the purest. That may seem strange and many of you may object that friendship is the purest relationship. In fact I’m talking about ‘couple’ in the broadest sense. The relationship between two persons. Whether it’s a love story, a complicated relationship, a special friendship, that link is absolutely the purest and uncontaminated, given the fact that the parties concerned are totally sincere and free from masks and anchors. In this case, the link is really unbelievable. The bodies begin to talk to each other, you can perceive the slightest nuances of the other, the way the other manages to fake anxiety, the change of the tone of their voice, you are able to give comfort with a simple word. The right one. And here it comes the hardest part. If you find such a person do not let the disturbing elements sneak up. I know it may seem immature (I told you that sometimes I go back to being 15 years old, no?). But I realized on my skin that as soon as another person binds to the couple inevitably this brings bad moods. Think of it as a scale with two stones that have found a perfect and balanced harmony together, even if each one on their plate. And now think of a third stone. Where do you put it? Since there is no central pivot that balances the weight like a triangle, it is normal that sooner or later it hangs from one side or the other, with the calculated risk that the magic may disappear. I know, it’s a hard thought. But it often happened to me to mess up balances for stupid and careless lightness. The treasures, in practice, must be kept for ourselves.

 

3. Three is a crowd

Speaking about relationships, then, it is more than normal that things change with the arrival of a third person. Often marriages are shattered when a baby is born, or even better, the couple finds an even more surprising balance with the birth of a child. Not to mention when the evergreen mother-in-law intervenes between wife and husband … On the other hand, even in particular and apparently indestructible friendships, a third soul can cause havoc: some whispered word in the ear of one, an advice given to the other, some information that not all members of this small community know … and at the first breath of wind our small and insidious insecurities raise the upper hand. Also because life puts us in front of challenges that alone we find it hard to decipher, not to mention when they involve parts of us unresolved or other people. As an American saying goes, therefore, ‘Three is a crowd’, precisely because the third, comfortable or uncomfortable that it is or more or less consciously, with the simple fact of their arrival is able to move the waters and cause sudden tsunamis. The previous speech is valid: pay attention to your treasures. I am not saying you should not to welcome anyone in the dynamic of two, but be well equipped together to face every calamity that comes at your door. And sometimes without knocking.

 

girl friends barcelona

 

4. Complexity: group dynamics

In November I was lucky enough to attend a seminar for influencers and youth workers in Évora, Portugal. I had never participated in a similar project, nor I ever had the (un)luck of taking part in the terrifying mass job interviews. I was, therefore, literally catapulted into group dynamics. If on the one hand as a photographer in the Canaries I was already used to deal with many people of different cultural, linguistic and professional backgrounds, on the other I did not expect to be so emotionally shaken. I discovered many small souls that struggled to cope with the challenges of life at their very best. I met people who are now part of my personal imaginary archipelago of islands, which has infinite boundaries. I have close ties with authentic and uncontaminated souls. All that has been possible thanks to the games that the organizers have prepared for us, and who have forcibly pulled out the bursting energy of group dynamics. I want to tell you some of them.

-Storytelling. We have been asked often to sit with our workmate (which varied every time, just to encourage the familiarization with the group) and start telling about us, then listening to the story of the other. ‘Tell the meaning of a scar or a tattoo’, or ‘Tell your favourite smell or ‘Tell where you’re going to live’. They may seem like small details, and yet when you find yourself face to face with simplicity, you realize how much truth and purity you can discover about yourself and the people in front of you. Personally, the dynamic hit me hard when I was asked ‘Write a postcard to the first person that pops up into your mind’. You realize that, in contact with so many brains who think and many souls that open up, even your spirit begins to see clearly and remove the excess parts (read: people).

– Role-playing games. Role-playing games have given us not so light shocks where each one of us had to appeal to calm and patience to survive the experience. Personally I had a difficult time with another girl (with whom I clarified after … it is incredible what moments of solitude spent in a hotel room can do) who during a game in which you had to form groups according to various criteria (each one of us worked according to the setting of our brains, which did not always conform) has imposed herself as a leader not allowing me to speak or choose for myself. I became red with nerves, blue with rage, and white when I tried to control an emotion so overwhelming that I almost did not recognize myself. Where did all this come from? What drowsy feelings that girl was tickling inside of me with her nonchalant attitude? It was clear that the ‘problem’ was all within me. To cut it short: in a group the best and worst of us can emerge in a second. And without bothering Pop Psychology, mental illnesses such as the syndrome of abandonment, the repressed bullying, the diseases of food, the fear of being ignored, the megalomania, then, come to the surface with incredible strength. The group is difficult, the group requires constant work on ourselves, the group is challenging, the group welcomes or rejects. Personally I have never had a group of friends, because I have always preferred relationships with two or three persons. And yet, after this experience, I realized that group dynamics are not only complex but they go right to unsettle the complexity within us, forcing us to work hard to express ourselves and to be original and distinguish ourselves despite everything.

 

brain food

 

5. The world: new people

And we come to the most beautiful part: new people. How nice is it to meet a new person? We can invent who we are without lying, show the best parts of us, let them see us for the first time without speculation, without past recriminations, without spots that contaminate thoughts, relationships, actions. And it is also nice to find out how others see us, to know something about us that we may not know yet. My work often leads me to meet new people almost every day. And every time it’s a little trip. As if a time machine, in the brief instant in which I give them a kiss or shake their hand, would kidnap me and bring me back to the past and then let me retrace my whole life in a flash until the present moment. And the person in front of us becomes a chest. This is my fatal flow on which I’m working. When I know a new person that I like, I’m so happy that I start projecting my feelings on them: I would like them immediately to have a role in my life, ready to share a bite. But this does not always happen, and sometimes people are just passing meteor. Yet, despite the initial sadness, even the fastest meteor is able to leave a luminous trail that lasts a lifetime in the eyes of the beholder. Everglow, to quote the wonderful Coldplay song I tattooed on my left arm. A perpetual luminous glow.

I am learning not to project my fears onto others. I am learning to let go of expectations and focus on the present moment. Because it is the only moment of pure joy we have in our hands. After all, the life we ​​choose for us never has an end, just as the certainties we think we have in us can collapse in a glimmer, ready to rebuild themselves in a completely different form. And our journey becomes a continuous work in progress, a riot of equilibrium, a constant search for beauty. So do not be afraid to give yourself to others, because behind every person there is a teacher. A teacher we often do not like, a teacher who sends us straight to summer school, who is rigid, but definitely someone we will thank in the future when their lessons will fall upon us in unexpected times and forms. But it is precisely in the expectation of the infinite construction that the best masterpieces are born. And you? What experiences do you want to share about relationships?

Share this:

Come capire una relazione: le 5 situazioni da affrontare per vivere felici

Share this:

[English version here]

couple relationship

Come capire una relazione… premetto che ci ho messo una vita di incontri, viaggi, esperienze per arrivare alle conclusioni a cui sono arrivata e ancora mi sembra di non capirci nulla! Tant’è, qualche bandierina l’ho piantata e ho pensato di condividere con voi il mio punto di vista. Pronti? 

 È da un paio di anni a questa parte che ho iniziato un percorso personale difficile e avvincente che ha riguardato un po’ tutti gli ambiti della mia vita: lavorativa, personale, relazionale, mentale. E come succede per tutti i viaggi che faccio in giro per il mondo ho raccolto tanti piccoli souvenir, pezzi di consapevolezza che mi permettono di andare avanti a testa alta e libera dalla paura. Come ho già scritto su Instagram, infatti, alla fine tutte le nostre azioni sono dettate dalla presenza o meno del sentimento della paura. In qualità di perfetto rappresentante del segno del Toro, poi, ho sempre avuto paura dei cambiamenti. Li so affrontare, li so gestire, li so superare, ma quando mi sento a mio agio in una situazione ho l’ansia che un minimo respiro d’aria faccia cadere tutto il mio castello di carta. Eppure, la mia vita è sempre stata soggetta ai cambiamenti: amicizie, corpo, atteggiamento, case, paesi. Grazie alle persone che ho incontrato e alle esperienze che ho vissuto, che sono linfa vitale per la mia sete di curiosità, dunque, oggi voglio condividere con voi qualche mia conclusione, per andare avanti spediti a lasciarci ancora sorprendere dagli imprevisti della vita!

 

1. Me myself and I: la relazione con noi stessi

Diciamolo subito. È quella più complicata di tutte. Un momento ci amiamo l’altro ci odiamo, un istante ci sembra di aver capito tutto e quello dopo siamo nel caos più totale dei pensieri, siamo in grado di vivere 35 umori differenti nell’arco di 16 ore (delle restanti otto, anche se dedicate al sonno, non posso garantire) e ci lamentiamo pure se gli altri non ci capiscono come si deve. Eppure, quel meraviglioso e terrificante cammino che inizia quando iniziamo a percepire l’influenza che gli altri hanno su di noi (prima di quel momento giocavo alle Barbie… anche se pur in quel caso avevo qualche problemino di accettazione e mi immedesimavo nell’amica sfigata che Ken ignorava), è un’altalena di emozioni incredibile. Per quanto mi riguarda, ho iniziato a capire veramente chi fossi e a farmelo piacere (leggasi, accettare di essere come si è e non crocifiggersi oltre) in tarda età, anche se sto recuperando terreno in fretta. Nel mio caso è coinciso tutto con l’ennesimo e devastante amore non corrisposto. Di quelli che ti incellofani il telefono al dito nella speranza che lui ti scriva, o lo raccogli dal fondo del mare dopo che lui ti risponde dopo 72 ore o che, ancora peggio, ti lascia insonne per tre mesi quando capisci che non c’è storia e sei costretta a chiudere. Comunque, da quel momento in poi, ho deciso di fermarmi un attimo e concentrarmi su me stessa, e non sul compiacere sempre gli altri. Come racconta Elizabeth Gilbert in “Mangia Prega Ama” (che se non l’avete ancora letto vi spedisco in libreria a calci nel sedere), finalmente ho iniziato a chiedermi: “Melania, cosa vuoi tu?”. Ho scoperto che libera dai condizionamenti altrui avevo tempo per me stessa, terreno per coltivare i semi della mia creatività, libera di esprimere tutte le parti della mia anima, anche quelle meno convenzionali o comode. Non vi voglio mentire. Sto ancora affrontando tempeste ormonali, improvvisi balzi all’indietro a quando avevo 15 anni (poi non dite che non vi avevo avvertito), crisi isteriche di pianto, momenti di pura adrenalina…

Ciò nonostante, finalmente sento di aver intrapreso una volta per tutte la strada che avevo scelto per me fin da quando ero bambina (anche se volevo fare la cantante).

 

couple goals

2. Il rapporto di coppia: una serie infinita di momenti compromettenti

Che ci crediate o no, sono sempre stata la sfigata di turno. La migliore amica, la ragazza simpatica, la persona affidabile ecc.… niente picchi glamour da regina della festa, per intenderci. Quindi per me i rapporti di coppia sono sempre stati un grattacapo. Dare e avere, dare più di quello che si riceve, capire che dare in maniera incondizionata (e senza incazzarsi un attimo dopo) è in effetti il senso di una storia d’amore. E ancora adattarsi all’altro, trovare compromessi per vivere al meglio il rapporto di coppia, imparare a gestire sesso e intimità… Tutto ciò per me non è mai coinciso con un movimento fluido, proprio perché nel frattempo nei meandri di me stessa non avevo ancora trovato quell’equilibro e quella completezza che sono alla base di una storia adulta. E me ne rendo conto solo ora, quando mi capita di passare del tempo con alcune persone per me importanti, che il prezzo da pagare per la ricerca spasmodica dell’illuminazione ha molto a che vedere con la felicità di coppia. Detto questo, comunque, un paio di cose l’ho capite:

 

  • Se non siamo completi come persone e come anime che abitano su questo pianeta, difficilmente potremo trovare qualcuno con cui condividere un percorso maturo. Possiamo innamorarci, discutere, litigare, mandarci a quel paese, vivere una passione travolgente, ma i rapporti di coppia sono molto più questo. Richiedono tempo, conoscenza di sé, spirito di sacrificio verso alcune parti di noi stessi, un costante prendere e mollare le piccole o le grandi imperfezioni che fanno parte di noi e che di certo ha anche il partner. Perché nessuno è perfetto. E questo vale anche al contrario: se la persona che scegliamo per noi non ha ancora raggiunto il punto di equilibrio, se si aggrappa a noi per sentirsi completo, allora scatta l’allarme rosso. Potrà rimanere con noi per un po’, e ci amerà tantissimo, ma prima o poi quel punto di non ritorno arriverà e il rapporto potrebbe risentirne irrimediabilmente. Il famoso “ti amo ma non posso” che sentiamo spesso nei film non solo esiste ma fa un male cane.

 

  • Il rapporto di coppia è il più puro che ci sia. Questa frase può sembrare strana, molti di voi potrebbero obbiettare che è l’amicizia ad essere il rapporto più puro. Infatti sto parlando di “coppia” in senso lato. Il rapporto a due. Che sia una storia d’amore, un rapporto complicato, un’amicizia speciale, questo legame è in assoluto il più puro e incontaminato, a patto che le parti in causa siano totalmente sincere e libere da maschere e ancoraggi. In questo caso, il legame è davvero incredibile. I corpi iniziano a parlare tra di loro, riuscite a percepire le minime sfumature caratteriali, il modo in cui l’altro riesce a soffocare l’ansia, come cambia il suo tono di voce, siete in grado di dare conforto con una semplice parola. Quella giusta. E veniamo alle rogne. Se trovate una persona del genere non lasciate che elementi di disturbo si intrufolino. Lo so che può sembrare immaturo (ve l’ho detto che a volte torno ad avere 15 anni, no?) ma ho capito sulla mia pelle quanto non appena un’altra persona si leghi alla coppia inevitabilmente nascano dei malumori. Pensatela come una bilancia con due sassi che hanno trovato una perfetta ed equilibrata armonia insieme, seppure ognuno sul proprio piatto. E ora pensate ad un terzo sasso. Dove lo mettete? Dato che non c’è un perno centrale che come un triangolo equilibri il peso, è normale che prima o poi penda da un lato o dall’altro, con il rischio calcolato che la magia scompaia. Lo so, è un pensiero un po’ duro. Ma a me è capitato spesso di scombinare equilibri per stupide e incuranti leggerezze. I tesori, in pratica, vanno tenuti per sé.

 

3. Tre è una folla

Continuando il discorso sui rapporti di coppia, è più che normale che le cose cambino con l’arrivo di una terza persona. Spesso matrimoni vanno in frantumi quando nasce un bebè, o ancora meglio la coppia trova un equilibrio ancora più sorprendente con la nascita di un figlio. Per non parlare di quando tra moglie e marito interviene la sempreverde suocera… D’altra parte, anche nelle amicizie particolari e apparentemente indistruttibili, una terza anima può causare scompiglio: qualche parola di troppo sussurrata nell’orecchio dell’uno, un consiglio dato all’altro, alcune informazioni che non tutti i membri di questa piccola comunità conoscono… e al primo soffio di vento le nostre piccole e insidiose insicurezze hanno il sopravvento. Anche perché la vita ci mette di fronte a sfide che già da soli facciamo fatica a decifrare, figuriamoci quando coinvolgono parti di noi irrisolte o altre persone. Come dice un detto americano, dunque, “tre è una folla”, proprio perché il terzo, comodo o incomodo che sia o più o meno consapevolmente, col semplice fatto di arrivare è capace di smuovere le acque e causare tsunami improvvisi. Vale il discorso precedente: fate attenzione ai vostri tesori. Non dico di non accogliere nessuno nella dinamica a due, ma siate ben equipaggiati insieme per affrontare ogni calamità si presenti alla vostra porta. E a volte senza bussare.

 

girl friends barcelona

 

4. Complessità: le dinamiche di gruppo

A novembre ho avuto la fortuna di partecipare ad un seminario per influencer e operatori della gioventù ad Évora, in Portogallo per il progetto Erasmus +. Non avevo mai partecipato ad un progetto simile, né avevo mai avuto la (s)fortuna di prendere parte ai famosi per essere terrificanti colloqui di massa. Sono stata, quindi, letteralmente catapultata nelle dinamiche di gruppo. Se da una parte ero già abituata dal mio lavoro di fotografa alle Canarie ad avere a che fare con tante persone di differenti background culturali, linguistici e professionali, dall’altro non mi aspettavo di risultarne così scossa a livello emotivo. Ho scoperto tante piccole emotività che come me lottavano per affrontare le sfide della vita al meglio delle loro forze. Ho conosciuto persone che ora fanno parte del mio personale arcipelago di isole immaginario, che per me ha confini infiniti. Ho stretto legami con anime autentiche e incontaminate. Tutto questo è stato possibile anche grazie ai giochi che gli organizzatori hanno preparato per noi, e che hanno tirato fuori con la forza l’energia prorompente delle dinamiche di gruppo. Ve ne voglio raccontare qualcuno.

  • Il Racconto. Ci è stato chiesto spesso di sedere con il nostro compagno di lavoro (che variava ogni volta, proprio per incentivare la familiarizzazione con il gruppo) e iniziare a raccontare di noi, ascoltando poi il racconto dell’altro. “Racconta il significato di una cicatrice o di un tatuaggio”, oppure “Racconta il tuo odore preferito” o ancora “Racconta dove andresti a vivere”. Possono sembrare piccoli dettagli, eppure quando ti trovi faccia a faccia con la semplicità ti rendi conto di quanto di vero e puro puoi scoprire di te stesso e delle persone che hai di fronte. Personalmente mi ha colpito duramente quando mi è stato chiesto “Scrivi una cartolina alla prima persona che ti viene in mente”. Ti rendi conto che, a contatto con tanti cervelli che pensano e a tante anime che si aprono, anche il tuo spirito inizia a vederci chiaro e a rimuovere le parti in eccesso (leggasi persone).

 

  • I giochi di ruolo. I giochi di ruolo ci hanno dato degli scossoni nemmeno tanto leggeri dove ognuno di noi ha dovuto fare appello alla calma e alla pazienza per sopravvivere all’esperienza. Personalmente ho avuto un momento difficile con un’altra ragazza (con la quale poi mi sono chiarita… incredibile cosa possono fare i momenti di solitudine passati in una stanza d’albergo) che durante un gioco nel quale bisognava formare dei gruppi a seconda di vari criteri (ognuno lavorava secondo l’impostazione del proprio cervello, che non sempre si conformava a quello degli alti) si è imposta come leader non consentendomi di parlare o scegliere per me stessa. Sono diventata rossa per i nervi, blu per la rabbia, e bianca quando cercavo di controllare un’emotività così strabordante che quasi non mi riconoscevo. Da dove veniva fuori tutto questo? Quali sentimenti assopiti chissà da quando stava andando a solleticare quella ragazza con il suo comportamento nonchalant? Era chiaro che il “problema” era tutto dentro di me. Per farla breve: in gruppo il meglio e il peggio di noi può emergere in un secondo. E senza andare a scomodare il Bignami in Psicologia, retaggi mentali quali la sindrome dell’abbandono, il bullismo represso, le malattie del cibo, la paura di essere ignorati, la megalomania e le manie di protagonismo, quindi, riaffiorano con una forza incredibile. Il gruppo è difficile, il gruppo richiede un lavoro costante su noi stessi, il gruppo sfida, il gruppo accoglie o rigetta. Personalmente non ho mai avuto un gruppo di amici, perché ho sempre preferito rapporti a due o a tre. Eppure, dopo questa esperienza, ho capito che le dinamiche di gruppo non solo sono complesse ma vanno proprio a disarcionare la complessità dentro di noi, costringendoci a lavorare sodo per esprimere noi stessi e per essere originali e distinguerci nonostante tutto.

 brain food

 

5. Il mondo: le persone nuove

E veniamo alla parte più bella: le persone nuove. Quanto è bello conoscere una persona nuova? Possiamo inventare chi siamo senza mentire, mostrare le parti migliori di noi, lasciare che ci vedano per la prima volta senza congetture, senza recriminazioni passate, senza macchie che contaminano i pensieri, il rapporto, le azioni. Ed è bello anche scoprire come gli altri ci vedono, per conoscere qualcosa di noi che forse non ancora sappiamo. Il mio lavoro mi porta spesso a conoscere persone nuove quasi ogni giorno. E ogni volta è un piccolo viaggio. Come se una macchina del tempo, nel breve istante nel quale gli do un bacio o gli stringo la mano, mi rapisse e mi portasse indietro per poi lasciarmi ripercorrere in un lampo tutta la mia vita fino al momento presente. E la persona che abbiamo di fronte diventa uno scrigno. Ecco, questo è un po’ un mio difetto sul quale sto lavorando. Quando conosco una persona nuova che mi piace sono talmente contenta che inizio a proiettare su di lei i miei sentimenti: la vorrei subito vicina, con un ruolo nella mia vita, pronta a condividerne un morso. Ma questo non sempre accade, e a volte le persone sono solo delle meteore passeggere. Eppure, nonostante la piccola tristezza iniziale, anche la meteora più veloce è capace di lasciare negli occhi di chi la guarda una scia luminosa che dura una vita. “Everglow”, per citare la splendida canzone dei Coldplay che ho tatuato sul braccio sinistro. Una perpetua scia luminosa.

 

Sto imparando a non proiettare sugli altri le mie paure. Sto imparando a lasciar andare le aspettative e concentrarmi sul momento presente. Perché è l’unico momento di pura gioia che abbiamo tra le mani. Del resto, la vita che ci scegliamo non ha mai una fine, così come le certezze che pensiamo di avere ferme in noi in un barlume possono crollare, pronte a ricostruirsi in tutt’altra forma. E il nostro cammino diventa un continuo work in progress, un tripudio di equilibri, una costante ricerca della bellezza. Quindi non abbiate paura di dare voi stessi agli altri, perché dietro ogni persona c’è un maestro. Che spesso non ci piace, che ci rimanda a settembre, che è rigido, ma che di certo ringrazieremo in futuro quando quello che ci ha insegnato ci piomberà addosso in tempi e forme inattesi. Ma è proprio nell’attesa della costruzione infinita che nascono i migliori capolavori. E voi? Che esperienze volete raccontarmi sulle relazioni?

SalvaSalva

SalvaSalva

Share this:

Cosa fare a Capodanno: GOODBYE 2017, WELCOME 2018!

Share this:

 

Melania Romanelli Las Palmas
Amo la fine dell’anno.

Amo i riti portafortuna di Capodanno. Amo l’atmosfera che nasce in maniera spontanea ovunque si passeggi. Le chiacchiere al bar, i propositi per il nuovo anno, i concerti della notte del 31 dicembre, le previsioni astrali (attendo il solito Oroscopo 2018 di Paolo Fox segno per segno come un bambino che brama impaziente il suo giocattolo preferito!), i borbottii omnicomprensivi del periodo natalizio (che comprendono la dieta detox post-Natale e le immancabili ripercussioni del pranzo di Natale coi parenti), la corsa all’acquisto dell’intimo rosso per la notte di Capodanno (a proposito, già sapete cosa fare a Capodanno 2018?), le riflessioni sui 12 mesi appena trascorsi. In effetti Capodanno è un momento davvero cruciale, complicato, che costringe anche i più impegnati a guardarsi allo specchio, a riflettere su ciò che si è portato a casa, che si è imparato, che si è lasciato andare. E anche sui desideri e i goal da realizzare, per salutare il 2017 come si deve e dare il benvenuto al 2018!

Curiosissima nel conoscere i vostri propositi, ecco il mio 2017 di conquiste e lezioni… e anche le previsioni di come sarà il mio 2018 (altro che Paolo Fox!). Sì, perché la vita, che che ne dicano i gufi, possiamo davvero costruircela noi mattone su mattone!

Wanderlust - Melania Romanelli

 

2017 step by step: cosa ho conquistato

  • Ho fatto ritorno dal viaggio più importante della mia vita (fino ad ora). Come molti di voi sapranno, nell’ottobre 2016 sono partita per il Canada per 3 mesi. A prescindere dai luoghi meravigliosi che ho visitato (sui miei profili Instagram e Flickr trovate le immagini della mia esperienza!), e dalle persone magnifiche con le quali ho vissuto, quei 3 mesi sono stati fondamentali per me a livello personale e professionale. Proprio dal Canada ho costruito le premesse per la mia nuova vita, scoprendo il piacere di viaggiare da soli sfidando situazioni paradossali (bloccarsi nel ghiaccio con l’auto, fatto!) e il gelo delle notti del Québec. Il risultato è il mio libro, Spero Tutto Bene, che mi ha dato la possibilità di girare intervistando anime coraggiose che proprio in Canada hanno gettato l’ancora nel loro viaggio personale alla ricerca della felicità.

Niagara River Canada

 

  • Ho ritrovato la mia creatività. Il blocco dello scrittore esiste. Ne ho avuto la conferma per tutto il 2014, il 2015 e il 2016, anni segnanti ma privi di stimoli creativi. Rimettermi in moto mi ha finalmente costretta a momenti di solitudine, situazioni con zero connessione e connessioni, con solo me stessa a farmi compagnia. Il risultato sorprendente di tutto questo girovagare da sola è stato che, senza forzature, ho ripreso la penna in mano. E non solo quella! D’altra parte, come insegna Elizabeth Gilbert in Big Magic, la creatività può davvero conquistare ogni momento e aspetto della nostra vita!

  • Ho vissuto dentro una comunità musulmana a Londra. A marzo 2016, nel cuore dell’editing finale di Spero Tutto Bene, mai avrei immaginato di essere selezionata dalla mia collega Sumera Tariq per partecipare ad un summit mondiale a Londra con i membri della Comunità Islamica Ahmadiyya! Essere circondata da persone all’apparenza così diverse da me, osservare, odorare, toccare e vivere una cultura a me quasi sconosciuta è stata un’esperienza irripetibile e davvero emozionante. Se volete leggere il resoconto del mio viaggio nel cuore della comunità musulmana Ahmadiyya a Londra vi lascio al mio vecchio post!

Melania Romanelli - Sumera Tariq

 

  • Ho scoperto la fotografia. Ne sono sempre stata innamorata, l’ho corteggiata e nel 2017 l’ho finalmente conquistata! Grazie al mio viaggio tra Gran Canaria e Lanzarote (che ho raccontato in diversi post sul mio blog delle Isole Canarie) ho avuto la possibilità di lavorare come fotografa a stretto contatto con il mondo del turismo. Non solo ho avuto il piacere di visitare alcuni degli hotel più belli delle isole, tra cui hotel 5 stelle con spettacolari piscine infinity, ma ho potuto soprattutto parlare con persone provenienti da decine di nazioni differenti, comunicando con il linguaggio universale dell’empatia (visto che con il tedesco e il francese mi fermo a Ich Bin Melania e Merci beaucoup…). Come coronamento della mia continua sperimentazione, infine, ho avuto il piacere di partecipare alla recente mostra fotografica nel comune laziale di Rieti, nella quale sono state esposte alcune delle mie fotografie!

 

 

  • Ho finalmente sconfitto la mia eterna paura di viaggiare in aereo! Ebbene sì, ho paura di volare in aereo! Sarà che mi piacciono le trame catastrofiche (e tra i miei film e serie preferiti non mancano Alive – Sopravvissuti, Final Destination e Lost, che proprio non raccontano voli aerei all’insegna del buonumore, insomma), sarà che ho sempre la nausea ogni volta che il mio stomaco sobbalza, ma ho sempre sudato al pensiero di salire le scale del portellone. Incredibile, vero? Questo 2017, per un motivo e per un altro, mi ha costretta a prendere più volte l’aereo di quanto non abbia fatto con macchina e treno, portandomi da una situazione di panico pre-partenza a quella opposta in cui mi addormento con le cuffie ancora prima di decollare (tanto le uscite di sicurezza le controllo sempre quando salgo, tranquilli!)

 

  • Ho imparato lo spagnolo: 6 mesi alle Canarie e un viaggio a Valencia. Nuovi amici spagnoli a profusione (Andalusia, Catalogna, Galizia, poco importa, tanto sono tutte persone speciali… delle quali cogliere gli accenti più particolari!). E una certezza: continuando a vivere alle Canarie e viaggiando per la Spagna posso solo che migliorare!


  • Ho imparato come fare un videoclip: nonostante le apparenze, sono una persona all’antica. Al computer preferisco carta e penna e agli audio di whatsapp (anche se le mie amiche stentano a crederlo quando lo dico) preferisco le lunghe chiacchierate faccia a faccia. Eppure, a novembre 2017 ho partecipato ad un workshop per operatori della gioventù e blogger in Portogallo nel quale ho imparato a montare un videoclip con tanto di voice over (la mia, con un lavoro di self control notevole), oltre a musica, immagini e video. Strumenti che nel 2018 impiegherò per i miei progetti futuri (anche se continuo a non saltare dalla gioia quando apro I-Movie, sia chiaro…)

 Valencia - Melania Romanelli

  • Ho viaggiato lavorando, lavorato viaggiando: il momento in cui ho capito che il mio sogno di lavorare viaggiando si stava avverando è stato quando a Montreal, viaggiando da sola, in tre giorni ho visitato la città, fatto shopping, preso caffè, scritto mail dal McDonald’s e inviato articoli con la connessione inimitabile di Starbucks. Yes, we can!!! E we must! Possiamo e dobbiamo lavorare viaggiando!


  • Ho lanciato la mia comunità Instagram. Ho aperto Instagram qualche anno fa, ma solo quest’anno ho davvero capito quanto Instagram mi abbia regalato la possibilità di connettermi con tanti viaggiatori, menti esploratrici e comunità di persone così tremendamente simili a me. Travel blogger che viaggiano da soli/e, wanderluster che affrontano sfide impossibili (compresa la nobile arte del mangiare larve e vermi fritti), scrittori emergenti con i quali scambiare libri e consigli di lettura, fotografi capaci di fissare momenti indimenticabili in giro per il mondo. Tutto questo è linfa vitale per la mia vita personale e per il mio lavoro, ed è grazie a questa crescita continua che oggi posso stringere virtualmente la mano a quasi 5500 anime, alle quali va tutta la mia gratitudine per seguirmi con così tanto affetto!

lanzarote montagna roja

2017 step by step: cosa ho imparato

  • Ho imparato a viaggiare da sola: ho capito che il mondo è un luogo grande e sconfinato e che non c’è niente di meglio che scoprirlo con la sola forza delle mie braccia.
  • Ho imparato a gestire un set fotografico e dei modelli indisciplinati.
  • Ho imparato a meditare.
  • Ho imparato a lasciar andare.
  • Ho imparato a selezionare i pensieri e a regalare vibrazioni positive alle persone intorno a me.
  • Ho imparato a passare più tempo sola con me stessa e con la mia creatività.
  • Ho imparato il valore del quality time, gestendo il mio tempo facendo solo le cose che mi piacciono davvero: la vita è un brivido che vola via, ed è nostro compito cercare l’equilibrio sopra la follia, come diceva Vasco.
  • Ho imparato che il tuo migliore amico può essere la persona che non hai ancora conosciuto

Melania Romanelli - Maspalomas Dunas

2018… cosa mi aspetta

  • Un’operazione importante e tanto sport, perché il benessere fisico e mentale viene prima di tutto.
  • Un trasferimento alle Canarie, perché tornare a pagare l’affitto significa investire sulle mie capacità senza timore.
  • Un viaggio a Barcellona con le amiche di sempre.
  • Un progetto lavorativo importantissimo, top secret, ma decisamente work in progress!
  • La nuova promozione del mio primo libro Spero Tutto Bene… e del secondo (in cantiere)!
  • Un viaggio (negli USA) con papà.
  • Un workshop a Londra con la scrittrice di Eat Pray Love Elizabeth Gilbert… con annesso Harry e Meghan sposi (Harry, te lo stiamo chiedendo tutte: ripensaci!).
  • Onorare il mio nuovo tatuaggio e progettare i viaggi per la seconda parte del 2018: Spagna in ogni dove, e poi Bali e Indonesia, India, Vietnam, Thailandia… e se avanza tempo anche Messico e Sud America!
  • Imparare il francese, per avere più chance con i ragazzi francesi (oltre ad una scusa in più per mangiare il pain au chocolat!).
  • Esercitarmi sulla mindfulness e sulla gratitudine.
  • Coltivare la mia community su Instagram dando valore alle cose che condivido ogni giorno con i miei follower. Con l’obiettivo di toccare quota 10.000 quanto prima!

melania romanelli lanzarote

Ultimo ma non per importanza il proposito più grande di tutti: aprirmi all’amore. All’amore verso me stessa, all’amore verso gli altri, all’amore verso una persona che sta per arrivare (che non appartenga assolutamente alla categoria dei 6 tipi di uomini da evitare, ovviamente). Perché qualunque percorso personale ha bisogno di viaggiare sempre a gonfie vele… e cosa c’è di meglio di farlo in compagnia?

Buon 2018 a tutti

Melania

P.S. Ve l’ho già detto che sogno di volare su una mongolfiera in Cappadocia?

 

Share this:

Le 5 frasi da EVITARE durante il pranzo di Natale (e come reagire se ve le dicono!)

Share this:

melania romanelli buon natale

Ci siamo. Thank God is Christmas, come dicono gli inglesi. Natale è arrivato! Come si fa a non amare il Natale? Le luci colorate e intermittenti, il camino acceso e scoppiettante, le canzoni di Mariah Carey, gli Wham e Micheal Bublè, ogni tipo di leccornia dolce e salata da gustare sentendosi un po’ meno in colpa, i regali sotto l’albero che aspettano di essere scartati, il torrone Pepitas e il pandoro Melegatti… eppure, sfido chiunque a non sentire un po’ di ansietta la mattina del 25 dicembre quando si avvicina, inesorabile e implacabile, il pranzo con i parenti!!!

A prescindere dal rapporto con i membri della vostra famiglia, infatti, alzi la mano chi non teme l’ennesimo commento impiccione, la sberla compiaciuta o il pizzicotto di una mano pesante (che di anni non ne abbiate più 3 ma 33 o 43 non sembra avere la benché minima rilevanza), o ancora il classico sguardo di malcelato disgusto a gelarvi proprio quando state per addentare il primo boccone di lasagna, sperando che non vi vada di traverso!?! Se non sapete di cosa parlo e per voi il 25 dicembre è tutto un sussulto di cori e sorrisi di giubilo, sotto a decidere il menù di Natale e organizzare il tombolone! Se invece fate parte della maggioranza delle persone e avete una classica famiglia farcita, ricca di cugini, fidanzati, zii, suocere e chi più ne ha più ne metta pronti con la lista inquisitoria degli argomenti più scomodi da trattare, eccovi servite le 5 frasi da EVITARE durante il pranzo di Natale (e le tattiche su come reagire se ve le dicono per davvero) per scongiurare l’incidente diplomatico proprio quando dovremmo essere tutti più buoni!

luci natale

1. Come va il lavoro? A prima vista è una domanda innocua. Potrebbe nascere dal sincero interesse di sapere come ce la passiamo, specie in un ambiente dove spendiamo gran parte del tempo. E poi siamo noi a comandare la risposta, a decidere cosa dire e come dirlo, quali informazioni lasciare al pubblico ludibrio e quali tenere per noi, con la speranza di chiudere l’argomento in fretta e passare al successivo. Ma, come la più innocua delle domande, il risultato dipende dal lavoro che si fa. Un tempo bastava dire di essere postino, carrozziere, muratore, meccanico, idraulico e persino prostituta, che tutti sapevano benissimo quali erano le problematiche, le peculiarità e anche il relativo luogo comune per alleggerire un po’ il carico di stress. Ma provateci voi a rispondere al novello sposo di vostra cugina, che di mestiere fa il semplice e sempre verde impiegato dell’INPS, e che mentre succhiate un’oliva vi chiede: “Ma esattamente che vuol dire blogger?”. E mentre tu sei lì a sbracciarti animatamente snocciolando la bellezza di essere freelance, di poter lavorare dove vuoi e ai tuoi orari, anche al bar mentre ordini una tisana alla liquirizia o latte di avena e cereali (in quei rari luoghi illuminati dove ciò è possibile) lui assesta il suo micidiale colpo: “Sì scrivi, ho capito, ma esattamente che lavoro fai? Cioè come ti guadagni da vivere?”.

Tattica: se come me siete una scrittrice freelance, bisogna imparare una regola basilare per vivere senza stress le feste, qualunque esse siano. Per alcuni dei vostri interlocutori (non per tutti, vivaddio) scrivere non sarà mai un lavoro. Fine. Titoli di coda. Anche se cercate di convincerli non cambieranno mai idea. Non resta che respirare, contare fino a tre, e guardare negli occhi il malcapitato: “Mi guadagno da vivere facendo quello che amo di più al mondo. Credo che anche per te sia così, no?” (e se fare l’impiegato dell’INPS è il suo sogno divenuto realtà va benissimo così, beato lui e viva gli sposi ovviamente). Nella mia scena madre ho i capelli appena lavati, morbidi e ondulati con le beach waves, ma voi potete adattarla a vostro piacimento.

addobbi natale

2. Quando ci presenti qualcuno/a? È risaputo: Natale vuol dire anche riflessione. Complice la fine dell’anno, complici le pubblicità della Coca Cola e dell’Ikea, tutto intorno a noi ci porta a pensare alle persone alle quali vogliamo bene, a quelle che ci sono e a quelle che non ci sono. E anche se stiamo bene da soli, se non abbiamo qualcuno affianco a Natale si nota un po’ di più. Ecco perché tra le 5 frasi da EVITARE durante il pranzo di Natale questa è la più delicata, perché ci tocca nell’intimo. Di solito ci pensa la zia a rompere il ghiaccio (e non solo quello). Per carità, probabilmente è la zia che ci vuole più bene. Quella che ci vorrebbe felicemente accoppiati, dipendenti Rai e con un imminente matrimonio da organizzare in grande stile (dove lei è per forza la wedding planner) e non perennemente soli, con uno zaino in spalla e con la pelle secca per le troppe ore spese in aereo o a dormire in aeroporto con un occhio chiuso tramortito dalla stanchezza e uno aperto per paura che ci rubino anche le mutande. Il problema è che il fatto che tu sia solo per lei non è una dolce preoccupazione, ma un problema che crei proprio tu, un affare di stato del quale sei l’unico colpevole. E per il quale il mondo non si preoccupa di chiedere la tua estradizione. “Però fermati un attimo, no! È normale se sei solaaaaaa! Sei troppo inafferrabileeee! Come fa un uomo a fidarsi di te? Per forza sceglie la ragazza della porta accanto” (il discorso vale anche al maschile, ma con meno frequenza). E se invece della ragazza della porta accanto siete “la ragazza del portellone accanto”, perché all’ennesimo viaggio aereo scegliete sempre il posto vicino all’uscita di sicurezza, allacciate le cinture e state fermi in attesa che il segnale luminoso si spenga. Perché se provate a rispondere ora creerete un incidente in pista!

Tattica: arriva il momento che io e una mia cara amica che condivide con me la sventurata strada del freelancing chiamiamo “momento Actors Studio”! Ridete, tanto, senza fine, una di quelle risate talmente finte che vi escono via anche le lacrime per la troppa finzione e per l’emozionante performance che state mettendo in scena. Tanto non c’è molto da dire. E nemmeno troppo da ridere, in effetti. Ma la zia penserà che siete pazze, avrà paura di un vostro crollo di nervi, e con buona probabilità non toccherà più l’argomento.

cioccolata biologica

3. La salute come va? Sulla salute non si scherza. È una delle regole basilari del vivere civile. Normale che vorremmo che tutti stessero bene, e che non si può accantonare una conversazione importante se un membro della nostra famiglia sta passando un brutto periodo. Ma si può ridere di alcuni malanni stagionali o di alcune condizioni croniche dovute agli acciacchi dell’età. E ci sono alcune scene alle quali ci ritroviamo puntualmente ad assistere con gusto! La nonna che non vediamo da un po’ e che dopo che ci ha chiesto se mangiamo (e non a Natale ma in generale, perché quando incontra qualcuno invece di chiedere il classico “Di dove sei?” la nonna rifila il suo corrispettivo geriatrico “Mangi?”), ci racconta per filo e per segno le dipartite più recenti passando in rassegna tutto il necrologio cittadino. La mamma che, a proposito di cibo e preoccupazioni, dopo aver sbranato un intero piatto di antipasto ci chiede cento volte se vogliamo l’ultima fetta di prosciutto “perché sei un po’ sciupato” (e alla fine ce la prendiamo la dannata fetta di prosciutto, ma per sfinimento). La suocera che ci racconta l’excursus delle sue vene varicose. E ancora la cugina ipocondriaca che “sapessi io” e che pensa di avere tutti i malanni del mondo ecc. ecc.

Tattica: mai minimizzare. MAI. Anche se vostro padre al primo accenno di raffreddore inizia a scrivere il testamento biologico, mai minimizzare sulle condizioni di salute del parente seduto al vostro fianco. O passerete per ingrati, insensibili, al “ma che ne sai tu” o peggio ancora al “ne riparleremo quando avrai la mia età”, che non so a voi ma a me sembra più una minaccia voodoo che una speranza che tu possa passartela bene, in effetti. Ed è meglio evitare di ritrovarsi il sabato sera con la nonna intenta a togliere il malocchio con l’olio extravergine di oliva, insomma!

antipasto natale

 4. Chi voti alle prossime elezioni? Se c’è un argomento che sicuro come la morte rovina l’atmosfera familiare è proprio la politica. Lo so, tra le 5 frasi da EVITARE durante il pranzo di Natale l’argomento politico è il più inevitabile: è uno dei cavalli di battaglia delle cene numerose, e anche un modo per confrontarsi, scoprire nuovi punti di vista, aggiornarsi ecc. Basta accendere il telegiornale, poi, e la politica è lì, che aspetta solo il primo commento per scatenare l’inferno. E inevitabilmente tornano fuori dall’armadio dibattiti antichi ed irrisolti quali comunisti vs. democristiani, bersucones vs. travaglini, quelli del “si stava meglio quando c’era Mussolini” oppure quelli del “ridateci Aldo Moro”, per non parlare del nuovo tormentone renziani vs. grillini! Quale che sia il vostro colore politico, il litigio è assicurato e anche l’aumento dei decibel (anche se devo ammettere che se non siete direttamente coinvolti è piuttosto divertente).

Tattica: se proprio non potete farne a meno, almeno cercate di evitare la politica locale – dove c’è il rischio, subito dopo la discussione dai toni accesi, di non poter salutare più gente in giro o doversi nascondere sotto lo sciarpone extralarge facendo finta di non vederla – e di non cominciare la discussione quando è il momento della carne… che poi mentre voi vi riscaldate lei si raffredda ed è completamente da buttare!

dolci natale

 5. Ti posso dare un consiglio…? NO! Non sono ben graditi. E no, non lo dite per il bene degli altri! I consigli non richiesti, anche se si travestono appunto da commenti inoffensivi, piccoli suggerimenti e amorevoli tentativi di aiuto, in realtà sono i più infimi metodi per criticare sottilmente l’operato altrui entrando a gamba tesa in situazioni delicate. A meno che non ci venga espressamente chiesto un commento, o non conosciamo la situazione alla perfezione, meglio dare il nostro supporto senza criticare o emettere sentenze. Un momento di distrazione e in un attimo anche la maionese che appare perfetta impazzisce! E pure se sono gli altri a dirci questa frase meglio essere cauti.

Tattica: quando qualcuno ci dà un consiglio ascoltiamo e tacciamo. Mai controbattere dicendo che è impossibile. E a prescindere dalla situazione mai, e ripeto mai, commentare con un “Io non lo farei mai!”. Attenzione a non fare promesse a Natale! Ci sono troppi testimoni oculari e uditivi per lanciarsi in così delicate affermazioni di fronte a tutti i membri della famiglia, che sono peggio del Comitato dei Fatti Vostri. Vedono e sentono tutto; anche se state intrattenendo una conversazione con un’altra persona, in realtà non siete solo due ma almeno 4/5 (con relativi amici da aggiornare appena tornati a casa, e così a macchia d’olio per un gossip senza fine). Quindi meglio evitare di stabilire obiettivi da rispettare o gridare al fioretto, se non siamo davvero convinti di poter realizzare ciò che millantiamo. O forniremo il primo argomento utile per il Pranzo di Pasqua! E nemmeno tutta la cioccolata del mondo potrà riequilibrare l’amaro dei commenti sarcastici in famiglia!!!

albero di natale

E dunque, direte voi, quali argomenti restano se eliminiamo tutto ciò? Argomenti leggeri quali la moda e lo spettacolo, ad esempio, oppure alcune situazioni divertenti accadute (e che non riguardano i presenti in sala, chiaro), i nuovi guinnes dei primati, le ricette di Giallo Zafferano (almeno si parla comunque di cibo e la nonna e la zia sono contente). E gli evergreen: il calcio (tanto i litigi in questo caso sono all’ordine del giorno, quindi a Natale sono già ritriti); l’abbronzatura di Carlo Conti; l’oroscopo di Paolo Fox segno per segno con i relativi grafici 2018; il meteo; l’annata dell’olio e del vino; il Grande Fratello Vip (ma attenti a non partire con le squadre Giulia De Lellis vs Cecilia Rodriguez, altrimenti riscaldiamo di nuovo gli animi).

Per quanto mi riguarda, infine, cercherò di parlare davvero poco… anche perché oggi finisce il mio fioretto e sarò troppo impegnata a mangiare cioccolata!!!

Ah dimenticavo, Buon Natale a tutti!!

P.S. Ogni riferimento a fatti o persone, zii e cugini, è puramente casuale!

 

Share this:

2 mesi, tre tappe, tre piccoli souvenir di vita. Il mio viaggio tra Malta, Valencia e Lisbona!

Share this:

Malta - Melania Romanelli

Sono quasi due mesi che non prendo carta e penna e aggiorno il mio blog. Lo so lo so, non va fatto, se no poi la cara vecchia zia Google si incavola perché non siamo andate a trovarla (e se non lo facciamo per un po’ niente regali poi :D). Still, come dicono gli inglesi, la vita di una blogger è fatta di come and go, di ida y vuelta, di andata e ritorno. E ho imparato sulla pelle che è solo andando che si può ritornare con qualcosa da dire. Quindi, eccomi qui, di ritorno da un lungo viaggio.

Come già sapete ho lavorato alle Canarie per 6 mesi. Sono stati mesi intensi, necessari, che non baratterei con nulla al mondo (se non l’avete ancora letto potete trovare il mio diario delle Isole Canarie qui). Come ogni esperienza meravigliosa che capita nella nostra vita, però, ha avuto un tempo importante, indispensabile, ma limitato. In 6 mesi ho preso tanto, appreso ancora di più e messo in pratica per sempre. Direi che non è male in un arco temporale tutto sommato concentrato, specie considerando l’andamento lento e ciclico in cui si inciampa e ci si rialza a ritmo delle maree.

2 mesi, dunque. Cosa ho fatto in questo tempo? Semplicemente, ho viaggiato. Ho ripreso lo zaino e mi sono rimessa in cammino, spinta dal desiderio di raccogliere quanta più sabbia, sassi, colori, profumi, sapori, persone, strumenti e mappe del tesoro possibili. L’urgenza, la mia fedele amica che non mi abbandona mai, l’humus che mi spinge a vivere il momento, ad essere nel tempo presente, per non rischiare di rimpiangere anche un solo minuto che ci è concesso su questo pianeta, è tornata ad afferrarmi. Dunque, zaino in spalla e si parte.

2 mesi in viaggio, tre tappe, tre piccoli morsi di vita: Malta, crocevia di culture da esplorare morso dopo morso; Valencia, assaggi di un futuro che parla latino; Lisbona/ Évora, un posto dell’anima dal quale ripartire con un nuovo sapore.

Malta - Valletta

Malta. Crema e blu. I colori delle costruzioni e delle case, i colori del mare. Ecco cosa mi viene in mente pensando a Malta. Complice il tempo spettacolare che ho trovato ad ottobre, Malta mi ha sorpresa nella sua caleidoscopica tranquillità. Un posto incantevole, bellissimo, illuminato dal sole e dalla solarità dei suoi abitanti. Un posto ricco di culture diverse, pieno di storie che allacciano nodi con momenti lontani della Storia dell’umanità (quella con la S maiuscola), e che si ritrovano nei volti delle persone che ho incontrato nel porto di Msida, nella capitale Valletta e nella antica città Mdina. Romana, spagnola, inglese, francese, sono solo alcune delle culture che hanno albergato nella piccola isola (e nelle isole principali che assieme a lei compongono l’Arcipelago Maltese, quali Gozo e Comino), che essendo al centro del Mediterraneo è stata per anni il punto di approdo di tanti immigrati provenienti dall’Algeria, dalla Tunisia, dall’Egitto, da Cipro, dalla Grecia e dalle isole italiane ioniche oltre che da Lampedusa e dalla Sicilia. A proposito di italiani. Malta è ricca di attività, bar e ristoranti italiani, specie nella zona portuale che da Msida conduce a Valletta. Sorrisi, occhi vispi e movida notturna – che si snoda nei quartieri di Paceville e St. Julian’s – vi porteranno dritti al cuore pulsante di un’isola ricca di cultura e da scoprire angolo dopo angolo. Io ho visitato solo alcuni degli scorci più suggestivi di Malta, e per questo motivo mi sono ripromessa di tornarci presto per raccogliere materiale e storie da narrare… È uno sporco lavoro ma qualcuno deve pur farlo no? Stay tuned 😀

Valencia - Melania Romanelli

Valencia. Sono andata a Valencia in avanscoperta, per studiare un po’ l’ambiente nel quale mi piacerebbe vivere per un po’. La Spagna, lo spagnolo, sono nuove realtà per me che ho sempre masticato cultura anglosassone. E quindi succede che se la tua mente non preme l’interruttore giusto, ti ritrovi per un momento un piccolo pesce fuor d’acqua.  Divertente quando a Malta, ormai abituata all’infradito e alla pacatezza del popolo canario, parlavo in spagnolo a persone che mi guardavano curiosamente, rispondevano in inglese e chiedevano gentilmente di darmi una mossa… un remake 2017 del “Ragazzo di Campagna” di Renato Pozzetto, per capirci. Valencia, dunque. Ho girato prevalentemente a piedi, soggiornando in una struttura nel centro città gestita da Italiani. Pensando a Valencia penso alla semplicità, dei movimenti, del ritrovarsi. Ma penso anche alla complessità di strutture architettoniche avanguardiste, create dai migliori architetti mondiali a servizio di cittadini e turisti che anno dopo anno scoprono sempre più numerosi questa bellissima città, grande ma a misura d’uomo, economica e che allo stesso tempo pullula di eventi culturali. E penso, infine, alla ricchezza della sua cultura, che riverbera nel Mercato Centrale, il mercato rionale per eccellenza. Nello storio edificio del 1900, impreziosito dai meravigliosi azulejos, le mattonelle che accomunano a livello visivo la Spagna, le isole Canarie, il Portogallo e anche paesi del Nord Africa, primo tra tutti il Marocco, dunque, potrete assaggiare tutte le prelibatezze gastronomiche che questa città ci ha regalato. La paella, prima tra tutti, che proprio qui di tutte le città spagnole nasce nel secolo XV e XVI come piatto unico dei pastori facile da trasportare. Le tapas, i piatti combinati che rendono piacevole il pinchare, lo spizzicare tra delizie di formaggi, chorizo, salumi vari e jamon di ogni tipo. Le patata bravas, piatto tipico spagnolo fatto di patate che vengono prima bollite e poi fritte, accompagnate da una salsa piccante chiamata appunto “brava”. La Albufera de Valencia, ovvero uno stufato a base di patate, paprica, aglio ed anguille servito come una zuppa di pesce. Ultimi, ma non per importanza, la combo horchata e fartons: la prima è una bevanda molto dolce a base di chufa (cipero in italiano), un tubero che si sviluppa solo in terreni con delle proprietà particolari e che ha guadagnato per questo motivo la denominazione d’origine; i secondi sono dei biscotti dalla forma allungata e ricoperti di glassa, simili ai nostri savoiardi anche per gli ingredienti (farina 00, uova, zucchero). Insomma, da buona italiana, a Valencia ho inzuppato e ho mangiato!

Torre di Belem - Melania Romanelli

Lisbona/ Évora. Il viaggio che mi porta a Lisbona prima e Évora poi è un viaggio speciale, di quelli che possono cambiare la percezione del tuo mondo. Il Portogallo era un territorio per me completamente sconosciuto. Di quelli che immagini di un colore o dei quali evochi qualche particolare e poco più. Ci metto piede, mi affaccio alla finestra del bus, alzo lo sguardo. Una sola parola: I N C A N T O. Lisbona prima ed Évora poi sono state una scoperta piacevole e un momento di gioia incontaminata. Il cielo di novembre brillava di un blu mai visto prima, le strade di Lisbona erano piene di colori, suggestioni, micro-input da raccogliere e mettere da parte, le viuzze di Évora si inerpicavano per le collinette impertinenti e sfidanti, complici anche i sampietrini un po’ sbilenchi che dovevi stare attento a calpestare. Di nuovo, un raggio di luce e di colori ti riempiva gli occhi tanto che non potevi non sorridere: gli azulejos, le ceramiche dipinte a mano, gli abiti e gli accessori decorati e lavorati completamente in sughero (il sughero è un materiale tipico portoghese, un business mondiale importante e che qui viene chiamato “oro verde”) e i tipici negozietti di souvenir dove si trova un po’ di tutto e a poco prezzo, compreso il il gallo di Barcelos, (galo de Barcelos in lingua), una figura tipica del folclore portoghese. Di Évora vi parlerò nel prossimo post, perché è un luogo dove ho percorso un cammino particolare lungo 10 giorni e che voglio condividere con voi. Ma torniamo un attimo al gallo.

Evora - Melania Romanelli

Souvenir. La storia di questo gallo mi ha colpita particolarmente. Arriva dalla citta di Barcelos, nel Portogallo settentrionale, dove la leggenda narra di un povero pellegrino che, di ritorno da Santiago di Compostela, fu accusato di aver rubato l’argento da un proprietario locale. Alle strette di fronte al giudice, che stava pranzando con un galletto arrosto, il pellegrino proclamò sicuro la sua innocenza, così come era sicuro che il gallo nel piatto del giudice si sarebbe alzato e sarebbe corso via. Il giudice ovviamente non gli credette e lo condannò all’impiccagione. Eppure, proprio nel momento della sua esecuzione, il gallo si alzò e si mise a cantare. Corso sul luogo della condanna, il giudice trovò il pellegrino ancora vivo, pronto per essere salvato. Grazie al gallo.

Mi piace questa storia, che è un po’ la storia di noi viaggiatori. Siamo sempre pellegrini in cammino, calpestando luoghi e territori non nostri, afferrando pezzi di vita qui e lì con tutto ciò che abbiamo nel piatto: foto, storie, braccialetti, immagini, persone incontrate per un breve istante, sprazzi di vita che vorremmo portare a casa con noi. Ma la cosa che mi piace di più di questa leggenda è la fervida sicurezza del pellegrino, convinto che la sua fede l’avrebbe salvato. E non sto parlando della fede religiosa, ma la fiducia di chi sa di star percorrendo la propria strada. Lontano dai condizionamenti, impermeabile ai giudizi, sordo ai “No”, a chi dice che “è impossibile”, cieco all’immagine di se stesso che racconta il suo passato. Libero di essere ciò che vuole. Libero di amare se stesso. Libero di vivere.

 

Share this: