Valentine’s Day for Digital Nomads: low cost gift ideas for a travelling Valentine’s Day!

Share this:

attrezzatura da nomade digitale

You are traveling around the world and keep working.
You are lucky enough to travel with your partner.
It’s Valentine’s Day.

If you are convinced that these three things are self-eliminating each other, you are wrong!
Here is a brief guide on the perfect gift for Digital Nomads, without spending a fortune and celebrating the most romantic day of the year!


1. Kindle eBook

Personally I am a paper lover. I just can not read books from the Mac or the tablet, but I admit that when travelling even for just 24 hours carrying at least 4-5 books I often regret the lightness of an eBook! Nights alone, nights by the sea, hours at the airport … an eBook is the perfect ally to defeat the boredom and keep up to date on the latest tips in terms of original lifestyles (Digital Nomads know something about it…)). Here is the link.


2. Backpack

It is an evergreen, but it is also the object we consume the most. It took me 4-5 attempts to find the one that suited me. Sometimes it’s about a particular feeling, sometimes a matter of mathematical precision, sometimes it is about advancing psychopathology (we all are psycho in our own way). After all, the backpack is an extension of ourselves, and for this reason we are looking for the perfect one that fits our needs. Personally I found heaven with this one from Fjällräven Kånken. Lightweight, practical, comfortable and super capacious. See for yourself!


3. Set of snap-hook

Maybe not everyone has thought about it, but a snap-hook is forever (even though I’m often alone at Valentine’s Day, I still find romance everywhere!). Moreover, it is a super useful gift for a traveller, it is cheap and it is really practical. Some are even hand-painted, chrome-plated or laminated. While I show you a practical and inexpensive set on Amazon, here’s what you can do with a snap-hook:

– Tighten trousers (if you miss a belt)

– Hook the keys not to lose them

– Tie your boyfriend, not to let him run away

– Hang on your shoes (so they do not take all the space inside)

– Hang on ropes

– Hang on camera stands

– Bring a thermos with you

– Take with you everything that has a hole (as my friend YouTuber Michydev suggests)


camping digital nomad


4. Camping Tools

Although we do not necessarily expect to camp, sometimes some utensils can save our lives in a delicate situation. Personally I need a knife even during a walk in the city (quiet, I do not practice violence…  I happen to open a box of vacuum-packed chorizo now and then), let alone if we do not need it during an offroad detour! This on in particular, then, would make anyone out of their mind! The best money ever spent: 10-piece camping kit with mini stove included, 2 non-stick aluminium pans, spoon and fork, 1 stainless steel cup (16 ounces), 1 multifunctional carabiner and, finally, two practical carrying bags. Not bad, right?


5. Universal Electric Adapter

The Digital Nomad, by definition, needs to be connected. For this reason, its electronic equipment requires not only practicality but also the right voltage, to avoid the risk of burning something! A universal adapter is ideal when you travel a lot, because sometimes the sudden departure does not allow us to make extensive checks on the type of adapter we need in the Country in which we are going. Therefore, giving one is always a welcome thought (put it on a red ribbon and it is perfect as a Valentine’s Day Gift!).


6. Padlock

For your suitcase but not only for that. A lock is often associated with travelling by plane, when we need to send the baggage in the hold and we want to avoid it being opened before it is handed back to us. In fact, and travellers know it well, a lock is useful when you land in a hostel and you need to store important items in a personal locker. Or, again, it is necessary when we have to leave our luggage in custody and we need a double protection. Always better, however, to spend a little more and take one more resistant (even if the classic secret diary padlocks sometimes can save your life, managing to combine the ends better than all! True story). This is even set to pass the US customs without problems!


7. Power bank or solar charger 

Always on. This is the mantra for a Digital Nomad. That’s why we need as much battery as possible, to send a job or publish an article wherever we are (and if we are short of electricity). Very useful as a gift for Valentine’s Day, therefore, a portable power bank or, even better, a solar charger, are ideal if the trip includes medium-long walks under the sun. A simple, immediate and smart way to be connected without worrying about anything (and helping the environment too). For those who own an iPhone, finally, a practical case for smartphones with a small built-in battery, for further nomadic peace of mind.


8. Laptop light

A small and practical light with USB port to read even in the dark with an extra light source. It often happens, in fact, to spend nights in hostel dorms needing a light to read. A super cheap and useful gift for everyone (even for those who travel only with the imagination while reading a good book under the covers!).


nomade digitale melania romanelli


 9. Water Resistant Bags

When traveling, it is always convenient to have waterproof plastic bags to keep valuables and to prevent them from coming into contact with water. There are many types, but I recommend these ones that I personally tested even under the deep waters of the Atlantic Ocean!


10. Waterproof Jacket and Umbrella

The monsoons will no longer be a problem. Just a good raincoat and a super-equipped umbrella to face the strongest storm! If there are a lot of the first type online, the second is more difficult to find in a good quality, although Amazon proposes different and well-made ones. A traveller friend of mine recommended me this one here in fiberglass reinforced, tested directly in India when the weather was not really his best ally!

And you? What will it be the present for your Valentine’s Day?


Share this:

San Valentino per Nomadi Digitali: idee regalo low cost per un San Valentino all’insegna del viaggio!

Share this:

attrezzatura da nomade digitale

[ English version here]


Siete in viaggio in giro per il mondo e continuate a lavorare.
Avete la fortuna di viaggiare con il vostro compagno.
È San Valentino.

Se siete convinti che queste tre cose si autoeliminino tra loro, vi sbagliate!
Ecco una breve guida sul regalo perfetto di San Valentino per Nomadi Digitali, senza spendere una fortuna e festeggiare il giorno più romantico dell’anno!

Personalmente sono un’amante della carta. Non riesco proprio a leggere i libri dal Mac o dal tablet, però ammetto che quando viaggio anche solo per 24 ore e mi porto dietro almeno 4-5 libri rimpiango spesso la leggerezza di un eBook! Notti in solitaria, notti in riva al mare, ore di scalo in aeroporto… un eBook è l’alleato perfetto per sconfiggere la noia e aggiornarci sulle ultime dritte in fatto di stili di vita originali (i nomadi digitali ne sanno qualcosa…)). Eccovi qui il link.


2. Zaino

È un evergreen, ma è anche l’oggetto che consumiamo di più. Ci ho messo 4-5 tentativi per trovare quello adatto a me. A volte è una questione di feeling, a volte di precisione matematica, a volte di psicopatologia avanzante. Del resto lo zaino è un’estensione di noi stessi, per questo motivo ne cerchiamo uno perfetto per le nostre esigenze. Personalmente ho trovato il paradiso con questo qui della Fjällräven Kånken. Leggero, pratico, confortevole e super capiente. Provare per credere.


3. Set di moschettoni

Forse non tutti ci hanno pensato, ma un moschettone è per sempre (anche se sono spesso sola a San Valentino continuo a trovare del romanticismo ovunque!). Inoltre, è un regalo super utile per un viaggiatore, costa poco ed è davvero pratico. Alcuni sono addirittura dipinti a mano, cromati, oppure laminati. Mentre vi segnalo un pratico ed economico set su Amazon, ecco cosa si può fare con un moschettone:

  • Stringere pantaloni (tipo cintura)
  • Agganciarci le chiavi per non perderle
  • Agganciarci il fidanzato, per non farlo scappare
  • Appenderci le scarpe (così non occupano spazio all’interno)
  • Agganciare corde
  • Appendere il cavalletto della macchina fotografica
  • Portarsi dietro un thermos
  • Portare con sé tutto ciò che ha un buco (come suggerisce il mio amico YouTuber Michydev)

camping digital nomad


4. Utensili da campeggio

Anche se non prevediamo necessariamente di campeggiare, a volte l’utensile gusto può salvarci la vita in una situazione delicata. Personalmente mi è capitato di aver bisogno di un coltello anche durante una passeggiata in città (tranquilli, non pratico la violenza… al massimo ne ho avuto bisogno per aprire una scatola di salumi sottovuoto), figuriamoci se non ne abbiam bisogno durante un detour offroad! Questo qui, poi, farebbe uscire fuori di testa chiunque! Il miglior denaro mai speso: 10 pezzi in kit pentole da campeggio con mini stufa inclusa, 2 pentole di alluminio antiaderente, cucchiaio e forchetta, 1 tazza di acciaio inossidabile (16 once), 1 moschettone multifunzionale e, infine, due pratiche borse da trasporto. Niente male, no?


5. Adattatore universale

Il Nomade digitale, per definizione, ha bisogno di essere connesso. Per questo motivo la sua attrezzatura elettronica necessita non solo di praticità ma anche del giusto voltaggio, per non rischiare di bruciare qualcosa! Un adattatore universale è l’ideale quando si viaggia spesso, proprio perché a volte la partenza improvvisa non ci permette di fare controlli approfonditi sul tipo di adattatore che ci serve nel Paese nel quale stiamo andando. Dunque, regalarne uno è sempre un pensiero gradito!


6. Lucchetto

Per la valigia ma non solo. Un lucchetto è spesso associato ai viaggi in aereo, quando abbiamo bisogno di spedire il bagaglio in stiva e vogliamo evitare che venga aperto prima che ce lo riconsegnino. In realtà, e i viaggiatori lo sanno bene, un lucchetto è utile quando si approda in un ostello e si ha bisogno di riporre oggetti importanti in un armadietto personale. O, ancora, è necessario quando dobbiamo lasciare i bagagli in custodia e abbiamo bisogno di una doppia protezione. Sempre meglio, comunque, spenderci qualcosa in più e prenderne uno più resistente (anche se i classici lucchetti da diario segreto a volte salvano la vita, riuscendo a unire le estremità meglio di tutti! Storia vera). Questo è addirittura settato per passare la dogana statunitense senza problemi!


7. Power bank o caricatore a luce solare

Connessione always on. Questo il mantra per un nomade digitale. Ecco perché abbiamo bisogno di quanta più batteria possibile, per spedire un lavoro o pubblicare un articolo ovunque siamo (e se siamo a corto di elettricità). Molto utile come regalo per San Valentino, dunque, una powerbank portatile o, meglio ancora, un caricatore a luce solare, ideale se il viaggio prevede tappe medio-lunghe sotto il sole battente. Un modo semplice, immediato e smart di essere connessi senza preoccuparsi di nulla (e perché no aiutando l’ecologica)! Per chi possiede un iPhone, infine, una pratica custodia per smartphone con una piccola batteria incorporata, per ulteriore tranquillità da nomade incallito.

nomade digitale melania romanelli


8. Luce per laptop

Una piccola e pratica luce con porta USB per leggere anche al buio con una fonte luminosa in più. Capita spesso, infatti, di passare notti in dormitori di ostelli e aver bisogno di una luce per leggere. Un regalo super economico e utile per tutti (anche per quelli che viaggiano solo con la fantasia leggendo un buon libro sotto le coperte!).


9. Buste Water Resistant

Quando si viaggia fa sempre comodo possedere dei sacchetti di plastica impermeabili, per conservare gli oggetti di valore ed evitare che entrino a contatto con l’acqua. Ce ne sono di tanti tipi, ma io vi consiglio questi qui che ho testato personalmente anche sotto le acque profonde dell’oceano Atlantico!


10. Giacca Impermeabile e Ombrello

I Monsoni non saranno più un problema. Basta un buon impermeabile e un Ombrello super accessoriato da pioggia per resistere a tutte le tempeste atmosferiche! Se del primo ce ne sono un’infinità online, del secondo è più difficile trovarne di buona qualità, anche se Amazon ne propone diversi e di ottima fattura. Un mio amico viaggiatore incallito mi ha consigliato questo qui in fibra di vetro rinforzata, testato direttamente in India quando il tempo non era davvero il suo miglior alleato!

E voi? Cosa regalerete a San Valentino?




Share this:

How to understand a relationship: 5 situations to face in order to live happily

Share this:


couple relationship

How to understand a relationship… It took a lifetime of meetings, travels, experiences to get to the conclusions I came to and yet I seem to understand nothing! Having said that, I flagged some flags and I thought I could share my point of view with you. Ready?

It’s been a couple of years now that I started a difficult and compelling personal journey that covered all areas of my life: career, personal life, relationships, mind-set. And as it happens during all of my travels around the world, I have collected many small souvenirs, pieces of awareness that allow me to go forward with my head up high and free from fear. As I have already written on Instagram, in fact, at the end all our actions are dictated by the presence or absence of the feeling of fear. As a perfect representative of the Taurus, I have always been afraid of changes. I can handle them, I can face them, I know how to overcome them, but when I feel comfortable in a situation I have the anxiety that a little breath of air will destroy my paper castle. Yet, my life has always been about changes: friendships, body, attitude, houses, countries. Thanks to the people I met and the experiences I experienced, which are the lifeblood of my thirst for curiosity, therefore, today I want to share some of my conclusions with you, to go forward and to let us still be surprised by the unexpected events of life!


1. Me myself and I: the relationship with ourselves

Let’s say it right away. It is the most complicated of all. One moment we love ourselves the other we hate ourselves, an instant we seem to have understood everything and the next we are in total chaos of thoughts, we are able to express 35 different moods in 16 hours (of the remaining eight, even if dedicated to sleep, I can not guarantee) and we even complain if others do not understand us properly. Yet, that wonderful and terrifying journey that begins when we start to perceive the influence that others have on us (before that time I played Barbie … and even in that case I had some problems of acceptance as I identify myself with the ugly friend that Ken ignored), is a swing of incredible emotions. As for me, I started to really understand who I was and to give me a break (read: to accept me for who I was and not to blame me for everything) in old age, even if I’m catching up quickly. In my case everything coincided with the umpteenth and devastating unrequited love. One of those that make you tie your phone to your fingers hoping that he will write to you, or collect it from the bottom of the sea after he replies after 72 hours or, even worse, leaves you sleepy for three months when you understand that there is no history whatsoever and you are forced to close and move forward. Anyway, from that moment on I decided to stop for a moment and concentrate on myself, and not on always pleasing the others. As Elizabeth Gilbert says in ‘Eat Pray Love’ (and if you have not read it yet I will send you to the bookshelf kicking your ass), finally I started to ask myself: ‘Melania, what do you want?’. I discovered that free from the conditioning of others I had time for myself, soil to cultivate the seeds of my creativity, free to express all the parts of my soul, even those less conventional or comfortable. I do not want to lie to you. I’m still facing hormonal storms, sudden jumps back to when I was 15 (and do not say I did not warn you), hysteric crying, moments of pure adrenaline …

Nevertheless, I finally feel that I have undertaken once and for all the path I had chosen for myself since I was a child (even if I wanted to be a singer).


couple goals


2. Couple relationship: a never-ending series of compromising moments

Believe it or not, I’ve always been the loser on duty. The best friend, the nice girl, the reliable person, etc. … no glamorous peaks as the party queen, so to speak. So for me couple relationships had always given headaches. Give and take, give more than what you receive, understanding that giving unconditionally (and without getting angry a moment later) it is in fact the meaning of a love story. And still adapting to the other, finding compromises to better enjoy the relationship, learning how to manage sex and intimacy … All this for me has never coincided with a fluid movement, because in the meantime in the meanders of myself I had not found yet that balance and completeness that are the basis of an adult relationship. And only now when I happen to spend time with some important people for me, I realize that the price to pay for the spasmodic research of enlightenment has a lot to do with the happiness of a couple. That being said, however, I understood a couple of things:

If we are not complete as a person and as souls living on this planet, we can hardly find someone to share a mature path with. We can fall in love, discuss, argue, send us to that particular country, live an overwhelming passion, but the couple’s relationships are much more than that. They require time, self-knowledge, a spirit of sacrifice towards some parts of ourselves, a constant take and give up the small or large imperfections that are part of ourselves and that certainly our partner also has. Because nobody is perfect. And this is also true from the opposite perspective: if the person we choose for ourselves has not yet reached the equilibrium point, if they cling to us to feel complete, then the red alarm triggers. They will be able to stay with us for a while, and they will love us so much, but sooner or later that point of no return will come and the relationship could be irreparably damaged. The famous ‘I love you but I can’t’ that we often hear in movies not only exists but it hurts like hell.

Couple relationship is the purest. That may seem strange and many of you may object that friendship is the purest relationship. In fact I’m talking about ‘couple’ in the broadest sense. The relationship between two persons. Whether it’s a love story, a complicated relationship, a special friendship, that link is absolutely the purest and uncontaminated, given the fact that the parties concerned are totally sincere and free from masks and anchors. In this case, the link is really unbelievable. The bodies begin to talk to each other, you can perceive the slightest nuances of the other, the way the other manages to fake anxiety, the change of the tone of their voice, you are able to give comfort with a simple word. The right one. And here it comes the hardest part. If you find such a person do not let the disturbing elements sneak up. I know it may seem immature (I told you that sometimes I go back to being 15 years old, no?). But I realized on my skin that as soon as another person binds to the couple inevitably this brings bad moods. Think of it as a scale with two stones that have found a perfect and balanced harmony together, even if each one on their plate. And now think of a third stone. Where do you put it? Since there is no central pivot that balances the weight like a triangle, it is normal that sooner or later it hangs from one side or the other, with the calculated risk that the magic may disappear. I know, it’s a hard thought. But it often happened to me to mess up balances for stupid and careless lightness. The treasures, in practice, must be kept for ourselves.


3. Three is a crowd

Speaking about relationships, then, it is more than normal that things change with the arrival of a third person. Often marriages are shattered when a baby is born, or even better, the couple finds an even more surprising balance with the birth of a child. Not to mention when the evergreen mother-in-law intervenes between wife and husband … On the other hand, even in particular and apparently indestructible friendships, a third soul can cause havoc: some whispered word in the ear of one, an advice given to the other, some information that not all members of this small community know … and at the first breath of wind our small and insidious insecurities raise the upper hand. Also because life puts us in front of challenges that alone we find it hard to decipher, not to mention when they involve parts of us unresolved or other people. As an American saying goes, therefore, ‘Three is a crowd’, precisely because the third, comfortable or uncomfortable that it is or more or less consciously, with the simple fact of their arrival is able to move the waters and cause sudden tsunamis. The previous speech is valid: pay attention to your treasures. I am not saying you should not to welcome anyone in the dynamic of two, but be well equipped together to face every calamity that comes at your door. And sometimes without knocking.


girl friends barcelona


4. Complexity: group dynamics

In November I was lucky enough to attend a seminar for influencers and youth workers in Évora, Portugal. I had never participated in a similar project, nor I ever had the (un)luck of taking part in the terrifying mass job interviews. I was, therefore, literally catapulted into group dynamics. If on the one hand as a photographer in the Canaries I was already used to deal with many people of different cultural, linguistic and professional backgrounds, on the other I did not expect to be so emotionally shaken. I discovered many small souls that struggled to cope with the challenges of life at their very best. I met people who are now part of my personal imaginary archipelago of islands, which has infinite boundaries. I have close ties with authentic and uncontaminated souls. All that has been possible thanks to the games that the organizers have prepared for us, and who have forcibly pulled out the bursting energy of group dynamics. I want to tell you some of them.

-Storytelling. We have been asked often to sit with our workmate (which varied every time, just to encourage the familiarization with the group) and start telling about us, then listening to the story of the other. ‘Tell the meaning of a scar or a tattoo’, or ‘Tell your favourite smell or ‘Tell where you’re going to live’. They may seem like small details, and yet when you find yourself face to face with simplicity, you realize how much truth and purity you can discover about yourself and the people in front of you. Personally, the dynamic hit me hard when I was asked ‘Write a postcard to the first person that pops up into your mind’. You realize that, in contact with so many brains who think and many souls that open up, even your spirit begins to see clearly and remove the excess parts (read: people).

– Role-playing games. Role-playing games have given us not so light shocks where each one of us had to appeal to calm and patience to survive the experience. Personally I had a difficult time with another girl (with whom I clarified after … it is incredible what moments of solitude spent in a hotel room can do) who during a game in which you had to form groups according to various criteria (each one of us worked according to the setting of our brains, which did not always conform) has imposed herself as a leader not allowing me to speak or choose for myself. I became red with nerves, blue with rage, and white when I tried to control an emotion so overwhelming that I almost did not recognize myself. Where did all this come from? What drowsy feelings that girl was tickling inside of me with her nonchalant attitude? It was clear that the ‘problem’ was all within me. To cut it short: in a group the best and worst of us can emerge in a second. And without bothering Pop Psychology, mental illnesses such as the syndrome of abandonment, the repressed bullying, the diseases of food, the fear of being ignored, the megalomania, then, come to the surface with incredible strength. The group is difficult, the group requires constant work on ourselves, the group is challenging, the group welcomes or rejects. Personally I have never had a group of friends, because I have always preferred relationships with two or three persons. And yet, after this experience, I realized that group dynamics are not only complex but they go right to unsettle the complexity within us, forcing us to work hard to express ourselves and to be original and distinguish ourselves despite everything.


brain food


5. The world: new people

And we come to the most beautiful part: new people. How nice is it to meet a new person? We can invent who we are without lying, show the best parts of us, let them see us for the first time without speculation, without past recriminations, without spots that contaminate thoughts, relationships, actions. And it is also nice to find out how others see us, to know something about us that we may not know yet. My work often leads me to meet new people almost every day. And every time it’s a little trip. As if a time machine, in the brief instant in which I give them a kiss or shake their hand, would kidnap me and bring me back to the past and then let me retrace my whole life in a flash until the present moment. And the person in front of us becomes a chest. This is my fatal flow on which I’m working. When I know a new person that I like, I’m so happy that I start projecting my feelings on them: I would like them immediately to have a role in my life, ready to share a bite. But this does not always happen, and sometimes people are just passing meteor. Yet, despite the initial sadness, even the fastest meteor is able to leave a luminous trail that lasts a lifetime in the eyes of the beholder. Everglow, to quote the wonderful Coldplay song I tattooed on my left arm. A perpetual luminous glow.

I am learning not to project my fears onto others. I am learning to let go of expectations and focus on the present moment. Because it is the only moment of pure joy we have in our hands. After all, the life we ​​choose for us never has an end, just as the certainties we think we have in us can collapse in a glimmer, ready to rebuild themselves in a completely different form. And our journey becomes a continuous work in progress, a riot of equilibrium, a constant search for beauty. So do not be afraid to give yourself to others, because behind every person there is a teacher. A teacher we often do not like, a teacher who sends us straight to summer school, who is rigid, but definitely someone we will thank in the future when their lessons will fall upon us in unexpected times and forms. But it is precisely in the expectation of the infinite construction that the best masterpieces are born. And you? What experiences do you want to share about relationships?

Share this:

Come capire una relazione: le 5 situazioni da affrontare per vivere felici

Share this:

[English version here]

couple relationship

Come capire una relazione… premetto che ci ho messo una vita di incontri, viaggi, esperienze per arrivare alle conclusioni a cui sono arrivata e ancora mi sembra di non capirci nulla! Tant’è, qualche bandierina l’ho piantata e ho pensato di condividere con voi il mio punto di vista. Pronti? 

 È da un paio di anni a questa parte che ho iniziato un percorso personale difficile e avvincente che ha riguardato un po’ tutti gli ambiti della mia vita: lavorativa, personale, relazionale, mentale. E come succede per tutti i viaggi che faccio in giro per il mondo ho raccolto tanti piccoli souvenir, pezzi di consapevolezza che mi permettono di andare avanti a testa alta e libera dalla paura. Come ho già scritto su Instagram, infatti, alla fine tutte le nostre azioni sono dettate dalla presenza o meno del sentimento della paura. In qualità di perfetto rappresentante del segno del Toro, poi, ho sempre avuto paura dei cambiamenti. Li so affrontare, li so gestire, li so superare, ma quando mi sento a mio agio in una situazione ho l’ansia che un minimo respiro d’aria faccia cadere tutto il mio castello di carta. Eppure, la mia vita è sempre stata soggetta ai cambiamenti: amicizie, corpo, atteggiamento, case, paesi. Grazie alle persone che ho incontrato e alle esperienze che ho vissuto, che sono linfa vitale per la mia sete di curiosità, dunque, oggi voglio condividere con voi qualche mia conclusione, per andare avanti spediti a lasciarci ancora sorprendere dagli imprevisti della vita!


1. Me myself and I: la relazione con noi stessi

Diciamolo subito. È quella più complicata di tutte. Un momento ci amiamo l’altro ci odiamo, un istante ci sembra di aver capito tutto e quello dopo siamo nel caos più totale dei pensieri, siamo in grado di vivere 35 umori differenti nell’arco di 16 ore (delle restanti otto, anche se dedicate al sonno, non posso garantire) e ci lamentiamo pure se gli altri non ci capiscono come si deve. Eppure, quel meraviglioso e terrificante cammino che inizia quando iniziamo a percepire l’influenza che gli altri hanno su di noi (prima di quel momento giocavo alle Barbie… anche se pur in quel caso avevo qualche problemino di accettazione e mi immedesimavo nell’amica sfigata che Ken ignorava), è un’altalena di emozioni incredibile. Per quanto mi riguarda, ho iniziato a capire veramente chi fossi e a farmelo piacere (leggasi, accettare di essere come si è e non crocifiggersi oltre) in tarda età, anche se sto recuperando terreno in fretta. Nel mio caso è coinciso tutto con l’ennesimo e devastante amore non corrisposto. Di quelli che ti incellofani il telefono al dito nella speranza che lui ti scriva, o lo raccogli dal fondo del mare dopo che lui ti risponde dopo 72 ore o che, ancora peggio, ti lascia insonne per tre mesi quando capisci che non c’è storia e sei costretta a chiudere. Comunque, da quel momento in poi, ho deciso di fermarmi un attimo e concentrarmi su me stessa, e non sul compiacere sempre gli altri. Come racconta Elizabeth Gilbert in “Mangia Prega Ama” (che se non l’avete ancora letto vi spedisco in libreria a calci nel sedere), finalmente ho iniziato a chiedermi: “Melania, cosa vuoi tu?”. Ho scoperto che libera dai condizionamenti altrui avevo tempo per me stessa, terreno per coltivare i semi della mia creatività, libera di esprimere tutte le parti della mia anima, anche quelle meno convenzionali o comode. Non vi voglio mentire. Sto ancora affrontando tempeste ormonali, improvvisi balzi all’indietro a quando avevo 15 anni (poi non dite che non vi avevo avvertito), crisi isteriche di pianto, momenti di pura adrenalina…

Ciò nonostante, finalmente sento di aver intrapreso una volta per tutte la strada che avevo scelto per me fin da quando ero bambina (anche se volevo fare la cantante).


couple goals

2. Il rapporto di coppia: una serie infinita di momenti compromettenti

Che ci crediate o no, sono sempre stata la sfigata di turno. La migliore amica, la ragazza simpatica, la persona affidabile ecc.… niente picchi glamour da regina della festa, per intenderci. Quindi per me i rapporti di coppia sono sempre stati un grattacapo. Dare e avere, dare più di quello che si riceve, capire che dare in maniera incondizionata (e senza incazzarsi un attimo dopo) è in effetti il senso di una storia d’amore. E ancora adattarsi all’altro, trovare compromessi per vivere al meglio il rapporto di coppia, imparare a gestire sesso e intimità… Tutto ciò per me non è mai coinciso con un movimento fluido, proprio perché nel frattempo nei meandri di me stessa non avevo ancora trovato quell’equilibro e quella completezza che sono alla base di una storia adulta. E me ne rendo conto solo ora, quando mi capita di passare del tempo con alcune persone per me importanti, che il prezzo da pagare per la ricerca spasmodica dell’illuminazione ha molto a che vedere con la felicità di coppia. Detto questo, comunque, un paio di cose l’ho capite:


  • Se non siamo completi come persone e come anime che abitano su questo pianeta, difficilmente potremo trovare qualcuno con cui condividere un percorso maturo. Possiamo innamorarci, discutere, litigare, mandarci a quel paese, vivere una passione travolgente, ma i rapporti di coppia sono molto più questo. Richiedono tempo, conoscenza di sé, spirito di sacrificio verso alcune parti di noi stessi, un costante prendere e mollare le piccole o le grandi imperfezioni che fanno parte di noi e che di certo ha anche il partner. Perché nessuno è perfetto. E questo vale anche al contrario: se la persona che scegliamo per noi non ha ancora raggiunto il punto di equilibrio, se si aggrappa a noi per sentirsi completo, allora scatta l’allarme rosso. Potrà rimanere con noi per un po’, e ci amerà tantissimo, ma prima o poi quel punto di non ritorno arriverà e il rapporto potrebbe risentirne irrimediabilmente. Il famoso “ti amo ma non posso” che sentiamo spesso nei film non solo esiste ma fa un male cane.


  • Il rapporto di coppia è il più puro che ci sia. Questa frase può sembrare strana, molti di voi potrebbero obbiettare che è l’amicizia ad essere il rapporto più puro. Infatti sto parlando di “coppia” in senso lato. Il rapporto a due. Che sia una storia d’amore, un rapporto complicato, un’amicizia speciale, questo legame è in assoluto il più puro e incontaminato, a patto che le parti in causa siano totalmente sincere e libere da maschere e ancoraggi. In questo caso, il legame è davvero incredibile. I corpi iniziano a parlare tra di loro, riuscite a percepire le minime sfumature caratteriali, il modo in cui l’altro riesce a soffocare l’ansia, come cambia il suo tono di voce, siete in grado di dare conforto con una semplice parola. Quella giusta. E veniamo alle rogne. Se trovate una persona del genere non lasciate che elementi di disturbo si intrufolino. Lo so che può sembrare immaturo (ve l’ho detto che a volte torno ad avere 15 anni, no?) ma ho capito sulla mia pelle quanto non appena un’altra persona si leghi alla coppia inevitabilmente nascano dei malumori. Pensatela come una bilancia con due sassi che hanno trovato una perfetta ed equilibrata armonia insieme, seppure ognuno sul proprio piatto. E ora pensate ad un terzo sasso. Dove lo mettete? Dato che non c’è un perno centrale che come un triangolo equilibri il peso, è normale che prima o poi penda da un lato o dall’altro, con il rischio calcolato che la magia scompaia. Lo so, è un pensiero un po’ duro. Ma a me è capitato spesso di scombinare equilibri per stupide e incuranti leggerezze. I tesori, in pratica, vanno tenuti per sé.


3. Tre è una folla

Continuando il discorso sui rapporti di coppia, è più che normale che le cose cambino con l’arrivo di una terza persona. Spesso matrimoni vanno in frantumi quando nasce un bebè, o ancora meglio la coppia trova un equilibrio ancora più sorprendente con la nascita di un figlio. Per non parlare di quando tra moglie e marito interviene la sempreverde suocera… D’altra parte, anche nelle amicizie particolari e apparentemente indistruttibili, una terza anima può causare scompiglio: qualche parola di troppo sussurrata nell’orecchio dell’uno, un consiglio dato all’altro, alcune informazioni che non tutti i membri di questa piccola comunità conoscono… e al primo soffio di vento le nostre piccole e insidiose insicurezze hanno il sopravvento. Anche perché la vita ci mette di fronte a sfide che già da soli facciamo fatica a decifrare, figuriamoci quando coinvolgono parti di noi irrisolte o altre persone. Come dice un detto americano, dunque, “tre è una folla”, proprio perché il terzo, comodo o incomodo che sia o più o meno consapevolmente, col semplice fatto di arrivare è capace di smuovere le acque e causare tsunami improvvisi. Vale il discorso precedente: fate attenzione ai vostri tesori. Non dico di non accogliere nessuno nella dinamica a due, ma siate ben equipaggiati insieme per affrontare ogni calamità si presenti alla vostra porta. E a volte senza bussare.


girl friends barcelona


4. Complessità: le dinamiche di gruppo

A novembre ho avuto la fortuna di partecipare ad un seminario per influencer e operatori della gioventù ad Évora, in Portogallo per il progetto Erasmus +. Non avevo mai partecipato ad un progetto simile, né avevo mai avuto la (s)fortuna di prendere parte ai famosi per essere terrificanti colloqui di massa. Sono stata, quindi, letteralmente catapultata nelle dinamiche di gruppo. Se da una parte ero già abituata dal mio lavoro di fotografa alle Canarie ad avere a che fare con tante persone di differenti background culturali, linguistici e professionali, dall’altro non mi aspettavo di risultarne così scossa a livello emotivo. Ho scoperto tante piccole emotività che come me lottavano per affrontare le sfide della vita al meglio delle loro forze. Ho conosciuto persone che ora fanno parte del mio personale arcipelago di isole immaginario, che per me ha confini infiniti. Ho stretto legami con anime autentiche e incontaminate. Tutto questo è stato possibile anche grazie ai giochi che gli organizzatori hanno preparato per noi, e che hanno tirato fuori con la forza l’energia prorompente delle dinamiche di gruppo. Ve ne voglio raccontare qualcuno.

  • Il Racconto. Ci è stato chiesto spesso di sedere con il nostro compagno di lavoro (che variava ogni volta, proprio per incentivare la familiarizzazione con il gruppo) e iniziare a raccontare di noi, ascoltando poi il racconto dell’altro. “Racconta il significato di una cicatrice o di un tatuaggio”, oppure “Racconta il tuo odore preferito” o ancora “Racconta dove andresti a vivere”. Possono sembrare piccoli dettagli, eppure quando ti trovi faccia a faccia con la semplicità ti rendi conto di quanto di vero e puro puoi scoprire di te stesso e delle persone che hai di fronte. Personalmente mi ha colpito duramente quando mi è stato chiesto “Scrivi una cartolina alla prima persona che ti viene in mente”. Ti rendi conto che, a contatto con tanti cervelli che pensano e a tante anime che si aprono, anche il tuo spirito inizia a vederci chiaro e a rimuovere le parti in eccesso (leggasi persone).


  • I giochi di ruolo. I giochi di ruolo ci hanno dato degli scossoni nemmeno tanto leggeri dove ognuno di noi ha dovuto fare appello alla calma e alla pazienza per sopravvivere all’esperienza. Personalmente ho avuto un momento difficile con un’altra ragazza (con la quale poi mi sono chiarita… incredibile cosa possono fare i momenti di solitudine passati in una stanza d’albergo) che durante un gioco nel quale bisognava formare dei gruppi a seconda di vari criteri (ognuno lavorava secondo l’impostazione del proprio cervello, che non sempre si conformava a quello degli alti) si è imposta come leader non consentendomi di parlare o scegliere per me stessa. Sono diventata rossa per i nervi, blu per la rabbia, e bianca quando cercavo di controllare un’emotività così strabordante che quasi non mi riconoscevo. Da dove veniva fuori tutto questo? Quali sentimenti assopiti chissà da quando stava andando a solleticare quella ragazza con il suo comportamento nonchalant? Era chiaro che il “problema” era tutto dentro di me. Per farla breve: in gruppo il meglio e il peggio di noi può emergere in un secondo. E senza andare a scomodare il Bignami in Psicologia, retaggi mentali quali la sindrome dell’abbandono, il bullismo represso, le malattie del cibo, la paura di essere ignorati, la megalomania e le manie di protagonismo, quindi, riaffiorano con una forza incredibile. Il gruppo è difficile, il gruppo richiede un lavoro costante su noi stessi, il gruppo sfida, il gruppo accoglie o rigetta. Personalmente non ho mai avuto un gruppo di amici, perché ho sempre preferito rapporti a due o a tre. Eppure, dopo questa esperienza, ho capito che le dinamiche di gruppo non solo sono complesse ma vanno proprio a disarcionare la complessità dentro di noi, costringendoci a lavorare sodo per esprimere noi stessi e per essere originali e distinguerci nonostante tutto.

 brain food


5. Il mondo: le persone nuove

E veniamo alla parte più bella: le persone nuove. Quanto è bello conoscere una persona nuova? Possiamo inventare chi siamo senza mentire, mostrare le parti migliori di noi, lasciare che ci vedano per la prima volta senza congetture, senza recriminazioni passate, senza macchie che contaminano i pensieri, il rapporto, le azioni. Ed è bello anche scoprire come gli altri ci vedono, per conoscere qualcosa di noi che forse non ancora sappiamo. Il mio lavoro mi porta spesso a conoscere persone nuove quasi ogni giorno. E ogni volta è un piccolo viaggio. Come se una macchina del tempo, nel breve istante nel quale gli do un bacio o gli stringo la mano, mi rapisse e mi portasse indietro per poi lasciarmi ripercorrere in un lampo tutta la mia vita fino al momento presente. E la persona che abbiamo di fronte diventa uno scrigno. Ecco, questo è un po’ un mio difetto sul quale sto lavorando. Quando conosco una persona nuova che mi piace sono talmente contenta che inizio a proiettare su di lei i miei sentimenti: la vorrei subito vicina, con un ruolo nella mia vita, pronta a condividerne un morso. Ma questo non sempre accade, e a volte le persone sono solo delle meteore passeggere. Eppure, nonostante la piccola tristezza iniziale, anche la meteora più veloce è capace di lasciare negli occhi di chi la guarda una scia luminosa che dura una vita. “Everglow”, per citare la splendida canzone dei Coldplay che ho tatuato sul braccio sinistro. Una perpetua scia luminosa.


Sto imparando a non proiettare sugli altri le mie paure. Sto imparando a lasciar andare le aspettative e concentrarmi sul momento presente. Perché è l’unico momento di pura gioia che abbiamo tra le mani. Del resto, la vita che ci scegliamo non ha mai una fine, così come le certezze che pensiamo di avere ferme in noi in un barlume possono crollare, pronte a ricostruirsi in tutt’altra forma. E il nostro cammino diventa un continuo work in progress, un tripudio di equilibri, una costante ricerca della bellezza. Quindi non abbiate paura di dare voi stessi agli altri, perché dietro ogni persona c’è un maestro. Che spesso non ci piace, che ci rimanda a settembre, che è rigido, ma che di certo ringrazieremo in futuro quando quello che ci ha insegnato ci piomberà addosso in tempi e forme inattesi. Ma è proprio nell’attesa della costruzione infinita che nascono i migliori capolavori. E voi? Che esperienze volete raccontarmi sulle relazioni?



Share this:

The Book of Me di Rosy Mercurio: Medicina Creativa cercando la felicità

Share this:

book of me rosy mercurio

Oggi vi parlo di questo libro meraviglioso: “The Book of me” di Rosy Mercurio.

Passo tante ore a leggere. Girare nelle librerie senza un’idea precisa su cosa comprare, lasciandomi guidare dai miei 5 sensi, è per me un potente antistress. Di solito sono sempre attratta da oggetti, parole e idee che hanno a che fare con la nostalgia: di quando eravamo piccoli, di quando eravamo spensierati, di quando eravamo senza strutture. Lo considero il mio personale antidoto per ritrovare l’equilibrio durante una giornata pesante o al ritorno da un viaggio faticoso.

Così un bel giorno, attratta dalla copertina pastello, inizio a sfogliare “The book of Me” di Rosy Mercurio, che a dispetto del nome è un’idea tutta italiana. Rosy è una mamma di due bambini con la passione per gli scrapbook, i libri/ quaderni che in America accompagnano il viaggio dall’infanzia all’adolescenza di milioni di ragazzi con la vocazione per il collezionismo e la scrittura. Foto, ritagli di giornale, frasi motivazionali, pezzi di stoffa, cartoline, appunti… lo scrapbook è un mondo bellissimo e privato, la stanza nella quale chiuderci per un po’ cercando tranquillità e una maggiore connessione con la parte più autentica di noi stessi.

the book of me melania romanelli

Da questa idea meravigliosa (io adoro gli scrapbook, nei prossimi post impareremo insieme a crearne uno nuovo di zecca utilizzando materiale riciclato… stay tuned), Rosy ha realizzato il suo progetto personale regalandoci un fantastico strumento di lavoro, il suo “The Book of Me” appunto, che in realtà è anche e soprattutto Nostro! Ispirandosi agli studi su come l’arte possa renderci più felici e guarire le nostre ferite, BOM (abbreviato) è molto di più di un libro. È una medicina creativa al nostro servizio, è un brillante metodo per decorare le nostre giornate, mettendo la porporina ai pensieri e trasformandoli in idee creative, stimoli colorati, sogni da realizzare. È un viaggio attraverso l’arte per ritrovare la strada di casa, per fare pace con noi stessi e con la parte più bimba, vera e potente di noi.

the book of me rosy mercurio

Si parte con un vero e proprio “contratto di lavoro” con Rosy e con il BOM, con tanto di firma e documenti in allegato da apporre nelle pagine (mica si scherza con la creatività!). Capitolo per capitolo, poi, la penna leggera di Rosy ci accompagna in questo viaggio fatto di colla, forbicine e colori, suggerendo sempre di ritagliare, è il caso di dirlo, del tempo per noi stessi. Per essere felici, infatti, è importante far fluire i pensieri facendo germogliare la nostra vena artistica attraverso riflessioni private (esercizi di scrittura, ad esempio), foto, appunti, idee di business, e senza timore di essere giudicati dalla “matrigna cattiva”, che la maggior parte delle volte corrisponde proprio a quella vocina dentro di noi che ci dice che non siamo abbastanza.

the book of me rosy mercurio

Tra le attività da fare quotidianamente per sentirci meglio ed essere migliori, nel mentre che seguiamo la nostra “leggenda personale”, inoltre, ecco cosa suggerisce Rosy:

  • Sedere al tavolino di un bar e osservare le persone, immaginando le loro storie (da scrittrice a amante delle anime io già lo faccio… adoro immaginare cosa succede nella vita delle persone che ho di fronte);
  • Regalarsi una cenetta da soli: è liberatorio, e credetemi non correrete il rischio di sembrare pazzi perché lo fanno tutti;
  • Entrare in una libreria sconosciuta o in una piccola bottega e stare a vedere cosa succede;
  • Regalare il biglietto del cinema allo spettatore che verrà dopo di noi. Questa cosa la farò presto… cosa c’è di meglio che ricevere una sorpresa inaspettata, per di più da uno sconosciuto?
  • Prendere un treno a/r senza una destinazione precisa, lasciandosi cullare dalla strada e dai nostri pensieri.

melania romanelli the book of me

La cosa più importante che Rosy ci insegna, infine, è il potere della “visualizzazione creativa”, ovvero la capacità che hanno le menti positive e sicure di rendere a portata di mano ciò che hanno immaginato, visualizzando esattamente come potrebbe essere. Anche nota come “legge dell’attrazione”, la visualizzazione creativa è uno strumento potente per riconoscerci senza timore di guardare dentro la nostra cassaforte.

The book of me. Un libro che è molto molto di più. Un mondo da scoprire dentro e fuori di noi.

Io sto già correndo in cartoleria a comprare tutto il materiale per il mio Book of Me… venite con me?

Share this: